martedì 21 Set 2021

Consiglio Pastorale Diocesano

Convocazione Assemblea CPD – Verbale del 24 novembre 2007


     Il Vescovo ha convocato il giorno 24 Novembre 2007, presso l’Auditorium di Rizziconi, l’Assemblea del  Nuovo Consiglio Pastorale Diocesano per il prossimo triennio 2007 – 2010.


     Il Consiglio è composto da 50 membri tra clero, religiose, diaconi e laici.


     Dopo aver ringraziato tutti i nuovi componenti, per la disponibilità a partecipare responsabilmente a questo importantissimo organismo diocesano che ha come compito principale quello di consigliare il Vescovo nel governo pastorale della Diocesi, Padre Luciano ha sottolineato, con certo rammarico, la scarsa consapevolezza, tra il clero e il laicato tutto,  della necessità di comunicare tra di noi.


      Siamo abituati a considerarci delle isole, come se tra una parrocchia e l’altra muri insormontabili ci impediscono di comunicare. Se questo nuovo Consiglio è iniziato con un certo ritardo è anche dovuto al fatto che persiste tra le parrocchie e il centro questo senso di non appartenenza, di distacco, di autonomia e autosufficienza. Così, ha concluso il Vescovo, ci si impoverisce tutti e la navigazione della chiesa locale rischia di andare verso il nulla.


       Il C.P.D. non potrà risolvere tutti i problemi, come d’altra parte nessun altro organismo diocesano da solo potrà risolverli, tuttavia  darà  una mano nell’uscire fuori da un certo modo di concepire la vita cristiana.


       Dopo questa introduzione del Vescovo quasi tutti i Consiglieri hanno preso la parola. Dagli interventi sono scaturite varie proposte finalizzate a favorire una più efficace comunicazione all’interno della Comunità ecclesiale.


     E’ stata sollecitata una maggiore attenzione per le vicende culturali, politiche e sociali  che riguardano il nostro territorio. E’ stata proposta una più approfondita riflessione al tema dell’Eucarestia fonte di comunione nella chiesa; una cura più premurosa verso alcuni temi che nel nostro territorio sono di primaria importanza come il tema della legalità, della droga, della prostituzione, piaga che si sta diffondendo persino tra minorenni.


     Il Vescovo ha ringraziato per gli interventi mirati e costruttivi e ha sottolineato che la comunicazione è un fatto che riguarda Dio. Dio comunica con gli uomini. Noi non saremmo cristiani se Dio non si fosse rivelato prima con la creazione poi con i patriarchi, con i profeti fino a Gesù Cristo. Per entrare in comunione dunque è necessario comunicare non in maniera astratta e simbolica ma nel concreto. Dio comunica con la sua Parola, comunica tanto con noi da sprecare la sua parola anche se noi spesso non la ascoltiamo. In questa Assemblea abbiamo parlato di un argomento importantissimo che è alla base dell’edificazione del Regno di Dio: la necessità di saper comunicare. I figli delle tenebre sono più astuti di noi, sanno comunicare tra di loro, trovano le persone adatte per infiltrarsi nelle strutture dei loro interessi, le nostre comunità spesso non sentono nemmeno questo bisogno abituati come siamo ad attenderci la soluzione dei problemi grazie al solo impegno degli altri.


     Nel concludere Padre Luciano, in considerazione che il ruolo del C.P.D. è quello di essere di aiuto al Vescovo in maniera concreta, ha invitato i Consiglieri a esaminare, studiare e vagliare le varie proposte in modo che nei prossimi mesi, a seconda della loro importanza, urgenza e necessità, possano divenire oggetto di attenzione.   


     A questo punto l’Assemblea, in base all’art. 7 dello Statuto del Consiglio Pastorale Diocesano, ha eletto i tre consiglieri della Segreteria che risulta ora composta dai signori Nicola Pettinato, Michele Varrà e Todaro Antonio.


    L’Assemblea conclude i lavori alle ore 20,00


                                                                                                                         La Segretaria