News

A Gioia Tauro incontro fra S.E. Mons. Milito ed i Medici Cattolici

Il giorno sette u.s. alle ore 18, presso la sede ISTEP di Gioia Tauro, si è svolto il secondo incontro di riflessione e formazione per i medici cattolici aderenti all’AMCI (Associazione Medici Cattolici) sezione ‘Giuseppe Moscati’, della Diocesi di Oppido Mamertina-Palmi, guidato da S.E. Mons. Francesco Milito, vescovo della stessa Diocesi.
Un incontro intenso e fruttuoso durante il quale S. E. ha voluto ancora una volta sottolineare l’importanza di una più approfondita conoscenza dei medici cattolici e delle loro attività al fine di attivare con ciascuno di loro una vera collaborazione, sul territorio della Piana di Gioia Tauro, in vista di una più intensa attività professionale e fruttuosa opera di ‘nuova evangelizzazione’.
L’attività svolta dai medici, ha detto S.E., se da un lato rappresenta una vera e propria missione, dall’altro rappresenta un valore aggiunto per  i medici cattolici, ai quali si chiede una cristiana capacità di intervento sulle problematiche non solo della salute ma anche della vita, legate nella nostra diocesi soprattutto al problema ‘extracomunitari’, di cui la politica non disconosce i disagi, i problemi, le difficoltà ma sembra che preferisca non parlarne, o parlarne poco, e soprattutto non intervenire. Per tali motivi S.E. ha rivolto un invito affinché ciascun medico si faccia portavoce di proposte, umane e politiche, perché questo problema si possa  al più presto risolvere. Il non vedere o il non agire non è sicuramente un percorso evangelico e pertanto, un momento fondamentale della formazione e riflessione spirituale dei medici cattolici potrà essere costituito da un impegno a livello diocesano più continuo e attivo in tale ambito. Percorrere insieme la stessa strada cristiana, ha concluso S.E., vuol dire porsi, affrontare, sottolineare e, nel limite del possibile, cercare di risolvere i problemi che la realtà quotidiana ci presenta.
Ugo Squillace