News

26/Mar/13

Sulle ali della Misericordia – Concerto spirituale per il tempo di Quaresima

 ‘Mi leverò ed andrò da mio padre e gli dirò: 
Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te!’.

***

Con i versi del Salmo 1,1-3, nella intensa esecuzione a quattro voci del brano del compositore Alberto Gallo, si è aperto il secondo dei concerti organizzati  dalla Diocesi di Oppido Mamertina nell’ambito del progetto ‘Uniti nella fede esultanti cantiamo!’, fortemente voluti dallo stesso Vescovo della diocesi mons. Francesco Milito.

Il concerto si è svolto Lunedì 25 Marzo nella Chiesa di Santa Marina Vergine di Polistena ed ha visto coinvolte alcune realtà corali del vicariato di Polistena. Un nuovo ed importante tassello, così,  si è aggiunto all’esperienza dei concerti, inaugurata nel periodo Natalizio con i cori del vicariato di Oppido Mamertina – Taurianova, che ha segnato in profondità l’inizio di questa Settimana Santa: un arricchimento spirituale per tutti coloro che hanno partecipato attivamente alla realizzazione dello stesso, maestri, coristi ma anche per quanti lunedì erano presenti al concerto ed hanno ascoltato con partecipazione e coinvolgimento l’esecuzione dei brani.

 

Fulcro ed espressione massima di questi concerti è la preghiera e la meditazione attraverso il canto. Silenziosamente avvolti dalla musica, esecutori ed ascoltatori elevano a Dio la loro richiesta di perdono, di ascolto, di speranza.  Il canto, dunque, come espressione di fede e di aggregazione, in cui la componente comunitaria e collaborativa fa da preludio alla realizzazione della preghiera. I cori nella loro unione formano una sola voce che si eleva a Dio e con umiltà, attraverso lo strumento vocale, fanno dei testi inni di lode gioiosa e di supplica struggente, delicata e appassionata.

 

Durante i mesi di prove i coristi per primi hanno sperimentato la forza dell’unità, l’ascolto, il sacrificio, la disponibilità, scelte non facilmente conciliabili con i ritmi della vita contemporanea, che porta spesso a riempire  la quotidianità  solo delle proprie attività personali. Una possibilità dunque, quella data dalla Diocesi tramite i concerti, di fare dell’unità nella fede una forza viva di appartenenza e di servizio.       I coristi al termine del concerto raccolgono le loro emozioni ed i loro sentimenti anche attraverso i social network più noti, esprimendosi con parole entusiaste, che dimostrano ancora una volta quanto l’unità e la collaborazione facciano crescere in spirito e vita, sentimenti che si sono mescolati alla gioia del pregare cantando. ‘Esperienza indimenticabile!!!’, scrive Giovanni. Chiara: ‘Un’esperienza molto emozionante…. una Vera Gioia!!!’. Daniela:  ‘Non vedo l’ora di ricantare, è stato emozionante e bellissimo. Ancora grazie’.  Maria: ‘Un’infinita lode a Dio, grazie a tutti!!!’.

 

Al termine del concerto il Vescovo mons. Francesco Milito nel suo intervento ha rimarcato quanto questo progetto sia fonte di arricchimento e di preghiera: ‘Adorazione  a Dio’ ha detto il Vescovo, complimentandosi poi con tutti i coristi ed i maestri per l’impegno.

Al concerto hanno partecipato il coro ‘Maria SS. del Rosario’ di Polistena, il coro ‘Laudamus’ di San Pietro di Caridà ed alcune catechiste della Parrocchia di Santa Marina Vergine di Polistena. Un grazie immenso è stato espresso dai coristi al M° Domenico Lando, attento e sensibile nel coordinare i cori e nel dirigere il concerto con passione ed emozione trascinante, ai maestri Caterina Francese e Pino Paviglianiti, che hanno formato con amore e servizio i coristi nel periodo delle prove, ed ancora  a Giovanni Sicari, organista del vicariato di Polistena.

 Una esperienza indimenticabile dunque, che ha suscitato  in tutti, coristi e partecipanti, emozioni pure. La preghiera a Dio ha varie forme di espressione, il canto comunitario è come incenso che sale al cielo, è spiritualità fatta soffio di voce, è ringraziamento, è lode perenne,  è – come si è ascoltato nel canto conclusivo – ‘Vera gioia’ e tutti unisce come in un abbraccio e tutti ama nella carità’.

 

Roberta Cullari


Allegati:

AGENSIR news

Da Sarajevo all’Ucraina: la paura delle guerra. Kanita: “Ripetevano che non poteva succedere”

La situazione in Ucraina crea immediati parallelismi con la guerra che ha infiammato la Bosnia ed Erzegovina tra il 1992 ed il 1995: a distanza di 30 anni si può… [...]

Perdono d’Assisi. Gigante: “Dire sì al progetto di felicità cui Dio chiama”

“Infinitamente buono” è stato il tema della 40ª Marcia francescana organizzata, come ogni anno, dai Frati minori d’Italia. Centinaia di giovani, provenienti da tutta Italia ed Europa, si sono dati… [...]