News

23/Apr/13

Oppido Mamertina: Inaugurazione da parte del vescovo degli Uffici Diocesani

     Sarà ricordata come una giornata storica quella che, ieri a Oppido Mamertina, ha suggellato, con il taglio del nastro ‘sotto l’ombrello’, l’inaugurazione da parte del vescovo Francesco Milito degli Uffici Diocesani ubicati nei locali a piano terra dell’Istituto Diocesano Sostentamento Clero sito in via Mamerto. Al momento sacro della benedizione, scandito da una pioggia di applausi, è seguito il rito di presentazione con gli interventi di diverse autorità. A dare il via ai lavori è stato Monsignor Francesco Milito: ‘I nostri locali mettono insieme l’unità nella moltiplicazione e nella distribuzione delle sedi dell’unica realtà diocesana.
 
     Questi uffici-ha asserito Sua Eccellenza Milito -attengono alla struttura della Curia Diocesana, struttura di cui il vescovo si serve per esprimere la propria carità pastorale. I titolari di questi uffici sono stati nominati liberamente-ha proseguito-e scelti tra quelli che si distinguono per la competenza nei relativi campi, per lo zelo pastorale e per la preparazione teologica e tecnica. Nella storia quasi millenaria di Oppido-ha concluso Sua Eccellenza  Milito-Oppido non ha mai avuto come, a partire da oggi, tanti uffici. Ce ne sono almeno 20: uno per il vicario generale, 4 per i vicari episcopali, 2 per i delegati vescovili, matrimonio e liturgico, tecnico ed economo, catechistico e missionario e altri. Di tutto questo ringraziamo il Signore che l’ha permesso e l’ha voluto”.
 
     Don Pasquale Galatà, presidente dell’IDSC, dopo aver ripercorso tutte le tappe che hanno portato alla concessione in comodato d’uso dei locali di proprietà dell’istituto che dirige, ha auspicato ‘l’inizio di una nuova stagione ricca di ogni grazia e benedizione del cielo’. A seguire, il sindaco Bruno Barillaro ha sottolineato il fatto che nella celebrazione vuole cogliere – oltre al segno fattivo dell’operato di Monsignor Milito, anche quello della sensibilità che nutre verso Oppido Mamertina, ai cui abitanti sta attribuendo un caloroso e paterno abbraccio.’ Don Domenico Caruso, vicario foraneo del vicariato di Oppido-Taurianova ha rimarcato il significato della giornata dicendo: ‘Il nostro essere qui è legato alla Provvidenza e all’amore di un pastore che ha e, vuole dare alla sua sposa, la giusta dignità’. Infine le parole del vicario generale don Giuseppe Acquaro: ‘Nella Chiesa nessun incarico è potere ma servizio, alla luce anche di Cristo che si è umiliato a lavare i piedi ai suoi discepoli e ci ha lasciato come riconoscimento la legge dell’amore.’

Francesca Carpinelli

Allegati:

AGENSIR news

Chiara d’Assisi. Pianticella di Francesco o femminista ante litteram?

Una figura rivoluzionaria quella di Chiara Assisi, di cui oggi si celebra la memoria liturgica, nell’apparente contraddizione tra l’immagine consueta di anima contemplativa, vissuta nell’ombra e nel ricordo di Francesco,… [...]

Spiritualità. Non esistono pellegrini sulla strada per Santiago

C’è un antico rituale degli uomini che è quello di mettersi in cammino, spesso lo si fa per dimostrare qualcosa agli altri o a sé stessi. Quel che è certo… [...]