News

31/Mag/13

Le Scuole della diocesi di Oppido Mamertina – Palmi partecipano al concorso ifeelCUD

     ‘Se è utile a tutti è proprio un progetto di classe’.  è  questo lo slogan proposto dal Servizio Nazionale per il concorso IFeel Cud 2013, slogan utilizzato come lancio dell’iniziativa nelle due scuole di ispirazione cristiana della nostra Diocesi: il Liceo Ginnasio San Paolo di Oppido Mamertina e il Liceo Linguistico Giovanni XXIII di Gioia Tauro.                          

     Il 30 aprile presso il Liceo Ginnasio ‘San Paolo’, grazie alla sensibilità di  don Alfonso Franco, Vicario per la Cultura della Diocesi di Oppido – Palmi  e Preside del Liceo, è stato presentato a tutti gli alunni il progetto – concorso. Durante l’incontro  è stato dedicato ampio spazio al Sovvenire, sono stati proiettati alcuni video quali l’ABC del Sovvenire, i video Zero Like, ed alcune slide al fine di declinare i valori del Sovvenire  utilizzando  un linguaggio più adatto ai giovani. Molto attenta è stata  la partecipazione dei ragazzi e degli insegnanti presenti.  Responsabile del progetto è la prof.ssa Nadia Silipigni che attivamente promuove l’iniziativa tra i ragazzi della scuola. Ad ogni professore è stato consegnato il materiale formativo – informativo del Sovvenire in modo da poter riprendere ed approfondire gli argomenti anche in altri momenti.

    Mons. Albino Caratozzolo, Preside del Liceo Linguistico di Gioia Tauro, ha anche lui accettato con gioia l’iniziativa proposta dal Servizio di promozione diocesano. Infatti il 5 maggio c’è stato un primo incontro di presentazione a due classi del liceo. Responsabile del progetto è  il prof. Sac. Gausioso Mercuri il quale, grazie al suo entusiasmo di giovane sacerdote, sta seguendo attentamente la realizzazione del progetto/video. Molto attiva, inoltre, è  stata la sua collaborazione per la raccolta dei CUD.  Successivamente ci sono stati altri due incontri di informazione con gli alunni e con i prof. responsabili  a testimonianza che l’idea del concorso ha fatto buona presa nelle scuole, soprattutto perchè si dialoga costruttivamente per un progetto condiviso. 

     Siamo sicuri che la collaborazione con le scuole, iniziata già in diocesi nel 2003 con il concorso ‘Sovvenire per una parrocchia missionaria’,  potrà avere un nuovo slancio magari in tutte le scuole secondarie della Diocesi, con l’aiuto dell’Ufficio di Pastorale scolastica e degli insegnanti di religione, per sensibilizzare al valore del dono, al Sovvenire, alle necessità della Chiesa.

    Molto belle sono le iniziative di incontri e di progettazione nati nelle due scuole grazie alla proposta del concorso: un laboratorio per gli alunni da condividere con i compagni delle altre scuole del paese, un progetto per una compagnia teatrale di giovani  per la promozione del quartiere, idee semplici di cooperazione tra più soggetti dove gli attori principali sono ragazzi capaci di progettare e desiderosi di  realizzare i propri sogni anche grazie al concorso I Feel Cud.

    Positiva l’esperienza che il servizio diocesano ha potuto fare, grazie al concorso, con i giovani,  gli alunni delle scuole, gli insegnanti, su temi così importanti  del Sovvenire  e del  sostentamento della Chiesa.

Walter Tripodi  

Allegati:

AGENSIR news

Da Sarajevo all’Ucraina: la paura delle guerra. Kanita: “Ripetevano che non poteva succedere”

La situazione in Ucraina crea immediati parallelismi con la guerra che ha infiammato la Bosnia ed Erzegovina tra il 1992 ed il 1995: a distanza di 30 anni si può… [...]

Perdono d’Assisi. Gigante: “Dire sì al progetto di felicità cui Dio chiama”

“Infinitamente buono” è stato il tema della 40ª Marcia francescana organizzata, come ogni anno, dai Frati minori d’Italia. Centinaia di giovani, provenienti da tutta Italia ed Europa, si sono dati… [...]