News

19/Giu/13

A Cannavà il Musical ‘L’amore quello vero’ in presenza del Vescovo

    Nell’ambito della Festa dell’Amicizia, 3° Memorial Cristiano Papasidero,  giovane strappato alla vita tre anni fa a seguito di incidente stradale, il Vescovo ha partecipato sabato 15 giugno alla rappresentazione del Musical ‘L’amore quello vero’, ispirato alla vita di San Francesco e Santa Chiara, realizzato dai giovanissimi dell’A.C. della Parrocchia S. Teresa di G. B. di Cannavà, grazie all’impegno della Maestra Rosalba Papasergi e alla preziosa collaborazione dell’animatrice Rosalba Perri.
 

   Motore dell’iniziativa l’Associazione ‘L’AMICIZIA DI CRISTIANO – Onlus’ costituitasi proprio per tenere vivo il ricordo dello sfortunato giovane e che  organizza ogni anno una serie di iniziative con l’intento di utilizzare il ricavato in opere di beneficenza.

  Per questo era presente alla manifestazione il sig. Nunzio Foti, rappresentante della Fondazione Carmine Anastasio, che opera nell’ambito del volontariato con importanti iniziative realizzate in Nuova Guinea e che per l’occasione si è detto contentissimo di poter collaborare con l’associazione di Cannavà  per la realizzazione di comuni attività di interventi in queste terre lontane in cui manca tutto.

  A presentare lo spettacolo incentrato sulla vocazione di Francesco e Chiara d’Assisi, l’educatrice Angela Giuliano che rivolgendosi al Vescovo e ringraziandolo per la sua presenza, ha sottolineato l’importanza del segno della presenza del Vescovo in questa comunità, nonostante i suoi numerosi impegni. ‘Speriamo  che lei possa capire – ha proseguito l’educatrice – quanto amore gratuito viene donato da tutti noi per mantenere viva la nostra piccola parrocchia e quanto essa sia forte negli intenti e  ispirata nel fare ogni singola esperienza di fede’.

   Poi il riferimento al Musical, nato dal desiderio della condivisione, dal bisogno di uno che diventa il bisogno di tutti, alla luce dell’esperienza di amore che nasce dall’incontro con il Signore che ci dà la certezza che l’amore, quello vero, esiste. ‘Se entreremo in questo ordine di idee – ha concluso – da qui usciremo più veri, più belli con noi stessi, certi che l’amore è il vero motore del mondo’.

  Quindi la rappresentazione con momenti di intensa commozione e di elevata musicalità, soprattutto grazie alla performance delle figure di Chiara e della lebbrosa Novella, che hanno spinto i presenti a sottolineare con lunghi applausi la bellezza dell’interpretazione.

  E proprio questo ha sottolineato alla fine il Vescovo nel suo intervento riprendendo il GRAZIE della conclusione del musical, perché ‘grazie bisogna dire a questi ragazzi per la bravura, la qualità delle esecuzioni e il messaggio dell’opera che, nell’elevare lo spirito, può essere un richiamo per i giovani interpreti a riflettere sulla chiamata del Signore nella loro vita a seguirlo, magari, più da vicino’.

  Per questo l’invito di Sua Eccellenza ai giovani di vivere il valore della spiritualità nell’Azione Cattolica e di proseguire con forza in questo cammino che ha permesso la realizzazione di questo musical e di tante altre attività che educano ai valori umani e cristiani.

  Il Vescovo, infine, nell’apprezzare la qualità della realizzazione del musical, ha informato che è sua intenzione creare nell’ambito della Diocesi l’Associazione diocesana degli Artisti sia per valorizzare chi si cimenta con impegno e bravura nei diversi ambiti ma soprattutto  come via e strumento della nuova evangelizzazione.

 

Diacono Cecè Caruso


Allegati:

Appuntamenti del Vescovo

Tutti gli appuntamenti

AGENSIR news

Alluvione a Ischia. Parroco Casamicciola: “La Chiesa vicina nella solidarietà e nella preghiera”

Sono otto i morti accertati, famiglie spazzate via dal maltempo che ha colpito Ischia la mattina presto di sabato 26 novembre, e si contano ancora quattro dispersi. Tra le vittime,… [...]

Festival della Dottrina sociale. Mons. Pompili: “Senza la fiducia non si riesce più a guardare con speranza al futuro”

“La fede, che è un grande atto di fiducia, è ciò di cui oggi abbiamo più bisogno per poter affrontare questo tempo. Se ci sentiamo ancora una volta irregimentati in… [...]