News

22/Set/13

Il Vescovo incontra gli alunni del Liceo Scientifico ‘Piria’ di Rosarno dialogando sulla tematica ‘Obstinatio contra res adversas’

       Obstinatio contra res adversas: questa la tematica dell’incontro al quale  S.E. Mons. Francesco Milito ha partecipato il 21 settembre presso il Liceo Scientifico ‘R. PIRIA’ di Rosarno. Una giornata dedicata interamente ad una lezione di vita e di fede. Insieme al nostro Pastore erano presenti Giusy Versace, campionessa paralimpica, Giuseppe Trieste, presidente di FIABA (Fondo Italiano Abbattimento Barriere Architettoniche)  e il giudice Carlo Indellicati.

         La preside Mariarosaria Russo, prima di  cedere la parola a Giusy, che ha raccontato la storia del suo tragico incidente stradale che otto anni fa la portò a perdere entrambe le gambe, sostituite oggi da due protesi,  ha voluto che a dare il saluto iniziale fosse il Vescovo che,  rivoltosi ai ragazzi,  ha chiesto la traduzione del ‘tema’ del convegno. I ragazzi hanno egregiamente risposto: «L’ostinazione contro le cose avverse». Traduzione esatta che però S.E. ha cambiato in «Cocciuti contro le cose cocciute. Tosti contro le cose toste», invitando i ragazzi a fare di questo slogan il motto della loro vita.                                    

        «La vita ci metterà spesso tante cose contro, avverse», ha affermato il Vescovo, ricordando gli scritti apologetici e facendo riferimento ai titoli che venivano usati in questo tipo di letteratura, ‘adversus‘ ‘contro’, ma facendo rilevare ai presenti che «togliendo l’ad, la parola diventa ‘versus‘, ‘verso, incontro’», ribadendo il concetto che dalle difficoltà si rinasce, si va verso una crescita, un incontro nuovo.  E l’andare ‘verso’ che ci deve rendere ostinati, cocciuti, il superare con la forza umana e con la fede le sfide che la vita ci riserva. «Siate tosti soprattutto quando la vita è dura», ha proseguito il Vescovo.

          Mons. Milito ha rivolto poi un saluto ed un augurio ai quattro alunni dell’Istituto che nell’anno scolastico 2011/2012 hanno avuto una votazione di 100 ‘cum laude’ e che in questa stessa occasione hanno ricevuto una borsa di studio perché ‘nella vita possano essere sempre delle eccellenze’.


Allegati:

Apertura Causa Beatificazione di P. Ludovico Polat

AGENSIR news

Giovani e sessualità. Don Bozzolo (Salesiana): “Riscoprire la grammatica degli affetti”

“La cultura affettiva contemporanea è segnalata dall’ambivalenza. Abbiamo avuto acquisizioni importanti, ma tante sono state cavalcate strumentalmente. Penso al ruolo della donna nella società, nella famiglia e nella Chiesa. La [...]

Carlo Casini. Il 2 marzo a Firenze una giornata di spiritualità alla luce della sua testimonianza

In cammino con Carlo Casini. Giornata di spiritualità alla luce della sua testimonianza è il tema dell’incontro in programma domani, sabato 2 marzo a Firenze per iniziativa della rete “Amici [...]