News

07/Mar/14

Il Vescovo inizia la Quaresima con i disabili

     Non poteva scegliere modo migliore il nostro Vescovo, Mons. Francesco Milito, per iniziare la quaresima il Mercoledì delle Ceneri: S.E. ha infatti visitato la Casa di Accoglienza e Riabilitazione disabili psico-fisici  dell’ Ente Morale Fondazione “Famiglia Germanò” Onlus a Oppido Mamertina, Ente che da diversi decenni opera nel territorio della Piana garantendo servizi di assistenza ai disabili, agli anziani, ai malati di Aids con le sue quattro strutture – dislocate tre a Oppido ed una a Lubrichi di S. Cristina d’Aspromonte – e che, nonostante i tanti problemi economici e burocratici legati al settore sanitario della Regione Calabria, offre lavoro a oltre 100 dipendenti e serve oltre 300 persone con i più svariati disagi e problemi.

     Guidato da don Bruno Cocolo, Presidente dell’Ente e dal Direttore amministrativo dello stesso, dott. Antonino Casella, Mons. Milito ha visitato per prima la struttura dedicata ai disabili, incontrando alcuni dipendenti e circa venti residenti disabili, giovani e meno giovani, che dal mattino al pomeriggio, si servono delle prestazioni della struttura. E proprio a loro il Vescovo si è rivolto paternamente definendoli «le anime della Casa»: «Oggi inizia la quaresima – ha detto il Vescovo – e i suoi cardini, preghiera, carità e penitenza, sono come i piedi su cui poggia la vita cristiana di ciascuno e qui, in questa Casa, ci sono tutti, anzi direi che questa Casa è il simbolo stesso della vita cristiana, quindi della quaresima stessa, e scuola d’umanità che, insieme alle altre tre strutture, fa sì che la Chiesa della nostra Diocesi possa camminare a testa alta ed essere all’avanguardia»; per questo Mons. Milito ha ringraziato don Cocolo e tutti i dipendenti per il lavoro che svolgono amorevolmente ogni giorno: «Voi – ha proseguito il Vescovo rivolgendosi a loro – con la vostra carità spassionata e creativa, servite qui ma siete anche serviti perché l’opera che fate è il cuore del Vangelo e anche se vi occorre un supplemento di coraggio nel vostro specifico lavoro, sappiate che in questa Casa Gesù è presente, anche più che in chiesa, anzi direi che ogni stanza è una specie di tabernacolo».

     Don Cocolo, spiegando quali sono le attività dell’Ente, ha sottolineato l’importanza anche sociale di un lavoro duro e fatto di molti ostacoli ma che «fa sì che la Chiesa di questo territorio sia specchio di onestà e legalità». Il Vescovo, oltre ad intrattenersi con medici, educatori ed operatori, ha chiacchierato un po’ con i disabili i quali hanno tutti espresso la loro gioia di trovarsi insieme a lui e di ricevere la sua visita. Nei prossimi giorni Mons. Milito visiterà anche la Residenza Sanitaria Assistenziale “Don Loria” di Tresilico di Oppido, la Casa Famiglia per malati di Aids di Castellace di Oppido e la Casa di riposo per anziane “S. Fantino” di Lubrichi.

Tullia Morabito

Appuntamenti del Vescovo

Tutti gli appuntamenti

AGENSIR news

In sala “The Woman King”, in streaming il doc “Sbagliata Ascendente Leone” e la serie “Odio il Natale”

Donne che fanno la differenza. È il filo rosso che accomuna le uscite tra cinema e piattaforme di questa settimana. Ritratti femminili vibranti, coinvolgenti e persino autoironici. Anzitutto in sala… [...]

Calcio: storie di campioni in campo e fuori

In questi tempi di polemiche al seguito dei mondiali in Qatar ci sarebbero da ricordare altre cose del calcio. Di oggi e di ieri. Ad esempio alcuni campioni nel prima… [...]