News

18/Set/14

Cronaca del sit-in dell’Associazione “Collettiva Autonomia”

     Ieri, 17 settembre 2014, a partire dalle ore 17.30 alle ore 19.30, di fronte agli Uffici di Curia siti in via R. Pugliese in Palmi, si è tenuta una manifestazione organizzata dall’Associazione «Collettiva Autonomia» di Reggio Calabria. Alla manifestazione hanno preso parte una trentina di persone con l’obiettivo comune di esprimere solidarietà verso Anna Maria Scarfò di San Martino di Taurianova – che in passato ha subito violenze sessuali – e disapprovazione per la nomina di don Antonio Scordo a parroco del Duomo di Gioia Tauro, allora parroco della ragazza.

     Dopo aver letto una lettera rivolta al vescovo mons. Francesco Milito, i manifestanti con gesto simbolico hanno strappato fogli con la scritta «Il silenzio è complicità». Al termine del sit-in, dopo aver letto alcuni brani di un libro che racconta le vicende di Anna Maria Scarfò, questa è stata fatta intervenire dagli organizzatori con una telefonata.

     Nel corso dell’evento, i manifestanti hanno avuto modo di confrontare le loro richieste con mons. Silvio Mesiti che, in qualità di parroco del luogo, si è reso disponibile ad accogliere e ascoltare le loro domande con l’intenzione di “dialogare per crescere”, così come ha dichiarato ai responsabili della manifestazione. Successivamente gli è stata consegnata la lettera dell’Associazione per il Vescovo, al quale è stata passata al rientro da un impegno pastorale già da tempo fissato.

     Il Vescovo ha assicurato che sarà data risposta in tempi congrui.


Allegati:

AGENSIR news

Marcinelle, memoria e monito. Tutele e sicurezza nei luoghi di lavoro

Risuona 262 volte la campana al Bois du Cazier di Marcinelle, nel bacino carbonifero di Charleroi, durante la commemorazione del 66° anniversario della tragedia dell’8 agosto 1956: un incendio sviluppatosi… [...]

Povertà. De Capite (Caritas): “È sempre più facile caderci ed è sempre più difficile uscirne”

“Negli ultimi anni la condizione di molte persone è cambiata. Il fenomeno della povertà, al di là dei dati che tutti conosciamo, è sempre più preoccupante”. A dirlo è Nunzia… [...]