News

17/Feb/15

La nostra Diocesi presente al Convegno nazionale di Pastorale Giovanile

Dal 9 al 12 Febbraio si è svolto a Brindisi il 14° Convegno Nazionale della Pastorale Giovanile dal titolo “Il Cantiere e le Stelle”. Anche la nostra Diocesi ha contribuito ai lavori essendo presente con una delegazione formata da don Vincenzo Leonardo Manuli [incaricato PG], Elisa Saffioti [Agesci], Rosanna Furci [Movimento Giovanile Guanelliano] e Assunta Spirlì. Di seguito pubblichiamo il racconto della loro esperienza brindisina. Grazie per averla condivisa con noi!
 
«Il luogo e i luoghi. Il Resort che ci ha accolti è un complesso turistico sulla costa di Brindisi, con camere molto comode e ambienti ampi e confortevoli. Gli spazi del Convegno erano dislocati all’interno del corpo centrale  ben collegati tra loro. La ristorazione  gestita a buffet ha reso i momenti della consumazione del pasto gradevoli e conviviali. Il programma prevedeva la visita a due luoghi significativi che sono stati in particolare la Chiesa di Santa Maria del Casale dove sono state celebrate le Messe di apertura e di chiusura del convegno e la splendida Cattedrale di Trani dove è stata celebrata una Veglia di preghiera. La serata del 10 è stata allietata da spettacoli in piazza e una cena offerta nei cortili dei palazzi antichi del centro storico di Trani.

Il tempo e i tempi. All’arrivo ci ha accolto una nevicata leggera  e per tutti i giorni seguenti un vento freddo di tramontana ha accompagnato gli spostamenti dal Resort ai luoghi previsti dal programma. La gestione dei tempi è stata adeguata ai ritmi e alle esigenze del convegno.

I partecipantiIl convegno è stato molto partecipato, incaricati regionali e diocesani di PG, religiosi e religiose e molti laici impegnati nelle equipe.

Il filo rosso. Il tema che ha attraversato il convegno prendeva le mosse dai versi di Calvino (le città invisibili) e dal titolo. La pastorale giovanile è competenza, tecniche, esperienza concreta (il cantiere) ma anche uno sguardo in alto, puntare alla progettualità  e ai sogni condivisi (le stelle)

La liturgia. La liturgia ha scandito le giornate del convegno. Le lodi al mattino e la celebrazione eucaristica , celebrate dai Vescovi delle Diocesi pugliesi  e di altre diocesi presenti al Convegno. L’icona sullo sfondo: Maria va da Elisabetta portando con sé la vita, portando Cristo nel suo cuore.

Le relazioni. In apertura del convegno, don Michele Falabretti, responsabile del Servizio nazionale di Pastorale giovanile, ha dato il benvenuto agli ospiti delineando brevemente il senso del convegno. “Questo vuole essere un convegno dell’incontro – ha detto – per cui chiedo a tutti di essere curiosi gli uni verso gli altri. “Il tema di questi giorni lo scopriremo viaggiando”… Falabretti non è stato solo anello di congiunzione tra gli interventi, non è stato solo il moderatore, è stato il centro attorno al quale il convegno si fermava, faceva il punto, riorganizzava, dava voce e dava sintesi alle esperienze. Si sono avvicendati relatori molto competanti e comunicativi che hanno stimolato l’uditorio su temi riguardanti l’educazione, le realtà giovanili, il “villaggio”(Giulietti) le età della pastorale giovanile (Mantegazza) il dialogo con la famiglia (Miano) e la tavola rotonda condotta da Asolan che ha messo insieme parrocchia, associazione, movimenti su un percorso comune partendo dall’Enciclica Evangelii Gaudium e ha sfiorato gli ambiti di vita in cui crescono e si confrontano i giovani. molto forte e intensa la traccia lasciata dalla Focolarina…..sulla carità sulla sfida del contaminarsi. E’ mancata purtroppo la possibilità di aprire un dibattito e formulare delle domande ai relatori.

Le esperienzeMolto interessanti le esperienze raccontate dai giovani nelle interviste e nel video realizzato dalla Pg lombarda. Forse un po’ riduttive e autoreferenziali, perché sono stati coinvolti solo giovani impegnati nelle parrocchie e negli oratori, mancava lo spaccato della realtà “fuori” dal recinto…

I laboratori e i workshop. Ben strutturati su temi di interesse giovanile. A piccoli gruppi si è condivisa la propria esperienza e le difficoltà trovate nel servizio educativo e nell’impegno pastorale. Forse la parte più coinvolgente ed esperienziale del convegno. Condotti da animatori facilitatori, sono stati un’occasione per sperimentare tecniche di animazione e di espressione, giochi di cooperazione, da utilizzare nei nostri contesti. Ci siamo messi in gioco e abbiamo condiviso percorsi e strategie possibili per gestire dinamiche di gruppo e rendere l’apprendimento efficace e divertente. E infine le pratiche educative condotte con mezzi e veicoli espressivi: cinema, teatro, web, ironia e umorismo, musica ecc.

La GMG di Cracovia 2016. È stato presentato l’itinerario della Gmg che è già partito da qualche mese e si delineerà nei prossimi mesi con un percorso di avvicinamento che vedrà tutti coinvolti a vario livello. Servizi regionali, diocesani, gruppi. Protagonisti ovviamente i giovani!! A conclusione del Convegno qualche parola chiave che ci riportiamo a casa e rimanderemo nelle nostre  equipe:  Generare ad una vita di fede, Vocazione – “vieni c’è bisogno di te!”, Progettare come processo educativo, Sogno come orizzonte di senso – missionarietà, Cura stare accanto con pazienza, Mandato  – obiettivi chiari – risorse – strategie.» 

Grazie a Elisa Saffioti

Appuntamenti del Vescovo

Tutti gli appuntamenti

AGENSIR news

Alluvione a Ischia. Parroco Casamicciola: “La Chiesa vicina nella solidarietà e nella preghiera”

Sono otto i morti accertati, famiglie spazzate via dal maltempo che ha colpito Ischia la mattina presto di sabato 26 novembre, e si contano ancora quattro dispersi. Tra le vittime,… [...]

Festival della Dottrina sociale. Mons. Pompili: “Senza la fiducia non si riesce più a guardare con speranza al futuro”

“La fede, che è un grande atto di fiducia, è ciò di cui oggi abbiamo più bisogno per poter affrontare questo tempo. Se ci sentiamo ancora una volta irregimentati in… [...]