News

21/Feb/15

Scopriamo l’Unione Giuristi Cattolici della nostra Diocesi

UGCI è l’acronimo dell’ Unione Giuristi Cattolici Italiani. Lo scopo dell’ associazione è quello di contribuire all’attuazione dei principi dell’eticacristiana nell’attività legislativa, giudiziaria ed amministrativa.

L’Unione fin dalla sua nascita, nel 1948, sotto la spinta di giuristi quali Francesco Carnelutti e Giuseppe Capogrossi ha il nobile compito di tradurre il messaggio del Vangelo e della Chiesa in linguaggio giuridico recepibile dal nostro ordinamento. Per tale ragione, in sintonia con la dottrina cristianocattolica ed in particolare con quella sociale della chiesa, promuove la realizzazione di uno stato di diritto che affondi le sue radici nei valori e nei principi naturali dell’uomo mettendo al centro della sua azione la persona e i suoi bisogni.  

In tale ordine di idee, a titolo esemplificativo e non esaustivo, particolare interesse rivestono temi quali quelli riguardanti i principi inviolabili, il progresso della comunità internazionale, la tutela dei diritti della persona umana nell’ambito del sistema economico, la libertà di stampa, l’ecologia, la droga, la tutela della vita umana e della famiglia nonché quelli che riguardano le società intermedie nell’approfondimento del principio di sussidiarietà e dell’istituzionalismo romaniano, le funzioni dello stato moderno e della democrazia, lo stato sociale.

Dell’Unione fanno parte in genere, docenti di diritto, magistrati, avvocati, notai e tutte quelle categorie di persone che a motivo della loro funzione nella società si occupano  di diritto. 

La nostra sezione, intitolata a Felice Battaglia,  insigne filosofo del XX secolo, il quale fu docente presso le prestigiose università di Siena e Bologna, famoso per i suoi studi storici relativi all’esperienza giuridica e politica, soprattutto con riferimento  alla ricerca teoretica fondata sui principi dello spiritualismo cristiano, è presente sul territorio diocesano da circa un ventennio e contribuisce fattivamente alla crescita umana e cristiana della nostra comunità. 

________________

Progetto Libero Dialogo:

Con  il nome di “Libero dialogo”, all’insegna del confronto e della condivisione, vogliamo abbattere le barriere sociali del nostro tempo quali l’individualismo esasperato e il relativismo etico  sempre di più difetti della nostra società che limitano di fatto  la comunione cristiana  e la trasmissione dei valori fondamentali del nostra fede . Il tempo, la storia e il contesto  in cui viviamo  hanno reso l’uomo  incapace di  relazione, prigioniero di se stesso , delle  sue  fragilità e soprattutto della cultura di prossimità non sempre ingrediente positivo del vivere quotidiano.  La persona  capace di relazionarsi liberamente   è  capace di creare quelle condizioni  per uno scambio  arricchente  preludio  di comunione  salvifica  e presupposto di rete sociale .  Sull’esempio della prima comunità di Gerusalemme, consapevoli di essere parte della chiesa particolare,  mettiamo a disposizione del prossimo  la  nostra competenza professionale  e la nostra gratuita  disponibilità.

Perchè il Progetto “Libero Dialogo”?

 In previsione dell’indizione dell’Anno della Carità, nell’anno 2013, in collaborazione con la Diocesi di Oppido Mamertina  –  Palmi, nelle persone del  Vescovo  sua Eccellenza Mons. Francesco Milito e  Don Domenico Caruso, i  giuristi cattolici del Foro di Palmi , i quali si riconoscono nell’associazione nazionale UGCI,  hanno avvertito l’esigenza di predisporre una piattaforma  variegata di servizi legali  da offrire  gratuitamente alle categorie deboli della nostra società : i poveri, le famiglia in disagio economico, le donne vittime di violenza e di maltrattamenti,  gli  immigrati  nonché tutte  le persone bisognose in genere.

Avv. Michele Varrà

____________

Consulta le informazioni sul progetto “Libero Dialogo”:

 


Allegati:

AGENSIR news

Da Sarajevo all’Ucraina: la paura delle guerra. Kanita: “Ripetevano che non poteva succedere”

La situazione in Ucraina crea immediati parallelismi con la guerra che ha infiammato la Bosnia ed Erzegovina tra il 1992 ed il 1995: a distanza di 30 anni si può… [...]

Perdono d’Assisi. Gigante: “Dire sì al progetto di felicità cui Dio chiama”

“Infinitamente buono” è stato il tema della 40ª Marcia francescana organizzata, come ogni anno, dai Frati minori d’Italia. Centinaia di giovani, provenienti da tutta Italia ed Europa, si sono dati… [...]