News

19/Giu/15

Primi passi della Consulta per la pastorale della Famiglia

 Si è tenuto Sabato 30 maggio 2015 presso l’Auditorium della Casa del Laicato la prima riunione della Consulta della Pastorale per la Famiglia.

L’incontro è nato dall’esigenza di conoscere le coppie contattate dai parroci e scelte per una programmazione formativa, i cui contenuti, nascono dalle esigenze stesse delle coppie. La formazione sarà indirizzata alle coppie perché poi possano operare nelle varie parrocchie.

Mons. Francesco Milito ha spiegato che l’Ufficio per la Pastorale della famiglia,  è formato da don Antonello Messina e cinque coppie che stanno ultimando la formazione in Scienze del Matrimonio e della famiglia presso il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II di Roma. I corsi previsti saranno diocesani.  Il Presule ha affermato che il tema della famiglia è all’orizzonte nella Chiesa e cioè che anche se non si vede è sempre presente. La Famiglia è alla base di ogni argomento attuale. A partire dalla Giornata Mondiale delle famiglie ai due Sinodi, straordinario dello scorso ottobre 2014 e quello ordinario ancora in atto di preparazione, previsto per il prossimo novembre. L’elaborazione e la preparazione del Sinodo è stata capillare. La nostra Diocesi ha partecipato fornendo un congruo numero di questionari svolti. Il Sinodo cade a ridosso di un altro grande avvenimento: il Giubileo della Misericordia che sarà un momento di Grazia e privilegiato per la famiglia.  E ancora la 66ma Settimana Liturgica Nazionale che si terrà a Bari avrà come tema proprio: Eucaristia, Matrimonio e Famiglia.

Il Vescovo ha sottolineato che quello che è fondamentale per le famiglie è la spiritualità. In Italia si sta sviluppando una particolare attenzione alla famiglia, proprio per la crisi che si fa sempre più marcata e più confermata dall’aumento dei divorzi, delle unioni civili e delle convivenze. Una nuova proposta di legge, è infatti, quella del divorzio breve per così dire lampo. Il Vescovo a questo punto si chiede: la nostra famiglia in che relazione sta con tutto questo?

Anche nella nostra Diocesi ci sono dei fattori allarmanti: a Gioia Tauro c’è una struttura sanitaria dove si pratica la fecondazione assistita che comporta: congelamento degli embrioni, l’impianto e così via. Anche i divorzi e le nullità di matrimonio nel nostro tribunale ecclesiastico sono ormai aumentati.

Tutto ciò è inquietante. Bisogna dunque calarsi nella nostra realtà e vedere come procedere anche perché ad aggravare il tutto c’è anche la malavita rappresentata dalle cosche mafiose.

Il Vescovo ha sottolineato  inoltre che l’Ufficio per la Pastorale della famiglia collabora con altri uffici come quello della Pastorale Giovanile e quello per le Vocazioni: il Servizio Diocesano di Pastorale Giovanile ci aiuta ad andare incontro a quelle che sono le problematiche dei giovani di oggi e il Centro Diocesano Vocazioni ci fa  intravedere se ci sono Vocazioni al Presbiterato o alla Vita Religiosa. La discussione scaturita dalla relazione del Vescovo è stata ampia e ha toccato le seguenti problematiche:

  • percorso di preparazione al matrimonio più intensivo e completo;
  • problema dell’adozione per non degenerare e lasciarsi convincere alla fecondazione assistita che  è come comprare un figlio al supermercato;
  • accompagnamento delle coppie che non hanno ancora figli;
  • accompagnamento delle coppie all’inizio del matrimonio – alla sua nascita e delle famiglie ferite;
  • cammino all’affettività da avviare già in fase adolescenziale sin dai 14-15 anni;
  • la famiglia come vocazione: costituire una famiglia è un una vocazione e chi la sente deve essere disponibile a questa chiamata;
  • la preghiera alla base della famiglia come rinforzo;
  • affrontare la problematica dell’accoglienza dei divorziati e dei separati.

La consulta è una realtà che sarà di grande aiuto a ogni parrocchia della Diocesi per le problematiche inerenti le coppie e le famiglie.

 

Rosario Rosarno

 

 


Allegati:

Appuntamenti del Vescovo

Tutti gli appuntamenti

AGENSIR news

Marcinelle, memoria e monito. Tutele e sicurezza nei luoghi di lavoro

Risuona 262 volte la campana al Bois du Cazier di Marcinelle, nel bacino carbonifero di Charleroi, durante la commemorazione del 66° anniversario della tragedia dell’8 agosto 1956: un incendio sviluppatosi… [...]

Povertà. De Capite (Caritas): “È sempre più facile caderci ed è sempre più difficile uscirne”

“Negli ultimi anni la condizione di molte persone è cambiata. Il fenomeno della povertà, al di là dei dati che tutti conosciamo, è sempre più preoccupante”. A dirlo è Nunzia… [...]