News

Il Campo Scuola diocesano dei Giovani di A. C. “Avanti tutta”

 Dal 3 al 7 agosto si è svolto, nella splendida località di mare di Briatico, il Campo scuola diocesano del Settore giovani di Azione Cattolica che ha visto coinvolti circa 90 ragazzi provenienti dalla maggior parte delle associazioni parrocchiali presenti nella nostra Diocesi. Campo che ha avuto come motto “avanti tutta”, il proseguire senza indugi  superando gli ostacoli, trovando così il necessario per intraprendere un viaggio che ha come meta finale l’incontro con Gesù  nella vita di tutti i giorni.

Il tutto ha avuto inizio con l’invito rivolto ai partecipanti a riflettere sulle proprie zavorre: pesi inutili che  ostacolano il nostro quotidiano e non permettono di  dare importanza a ciò che è davvero necessario nella vita. La serata ha, così, assistito a un magnifico volo di lanterne cinesi a cui è stato affidato il compito di alleggerire l’animo di ogni ragazzo dal peso di ogni singola zavorra.

La Seconda tappa del campo è stata affidata  alla testimonianza di una rappresentanza della Casa-Famiglia di Castellace, struttura che accoglie  persone sieropositive, con l’obiettivo di sottolineare l’importanza di affidarsi agli altri. Come il pescatore non può condurre la barca da solo, così anche noi, nei momenti di buio e smarrimento, non possiamo ritrovarci da soli. Sotto l’occhio attento di don Emanuele Leuzzi, Assistente diocesano del Settore giovani e Don Antonio Lamanna, Assistente del Movimento Studenti di AC (MSAC), tra preghiere, veglie, riflessioni e naturalmente tanto divertimento, si è andati alla scoperta di un altro elemento necessario  per poter affrontare  la rotta intrapresa: l’ancora, simbolo della stabilità, poiché grazie ad essa la  nave riesce a rimanere ben ancorata alla posizione in cui la si ferma nonostante il moto ondoso. Infatti troppo spesso nel relazionarsi con gli altri si creano incomprensioni e conflitti che sembrano non avere soluzione ed è proprio in questi momenti che  ci si deve affidare a Gesù, l’ancora di salvezza, che attraverso la Sua Parola da stabilità alla nostra vita.

I quattro giorni di campo, ricchi di spiritualità, incentrati sulla necessità di trovare Gesù nelle piccole cose di ogni giorno, si sono conclusi con la Celebrazione Eucaristica presieduta dal nostro carissimo Vescovo Mons. Francesco Milito, presenza assidua nel nostro Cammino di AC: momenti utili, spesso necessari per la crescita personale e spirituale di ogni singolo aderente, fondamentali affinché “andiate e portiate frutto, e il vostro frutto sia duraturo…”.

 

        Salvatore Fedele


Allegati: