News

23/Ott/15

L’inizio ufficiale del ministero di Don Pasquale Galatà come Rettore del Seminario Vescovile e dell’Anno Scolastico del Liceo Classico “San Paolo”

Giovedì 22 ottobre 2015, nella significativa memoria liturgica del Santo Pontefice Giovanni Paolo II, il Papa della nuova Evangelizzazione e dei Giovani, S. E. Rev. ma Mons. Francesco Milito, nostro Vescovo, ha dato solenne inizio al ministero di Don Pasquale Galatà come Rettore del Seminario Vescovile e al nuovo Anno Scolastico del Liceo Classico “San Paolo”, nel corso di una Celebrazione Eucaristica, animata dal servizio liturgico dei Seminaristi e dal canto dei giovani Alunni del Liceo.

Presenti alla concelebrazione, il Padre Spirituale del Seminario, don Letterio Festa; il Preside del Liceo, don Alfonso Franco; alcuni Sacerdoti particolarmente vicini al Seminario; i Docenti del Liceo e i numerosi Alunni.

La Celebrazione si è aperta con la lettura della bolla di nomina del nuovo Rettore ed è proseguita con l’omelia di Mons. Vescovo incentrata sulla figura del venerato Pontefice polacco. «Questo Santo dei nostri giorni, che molti di noi hanno avuto la grazia di conoscere da vicino, Giovanni Paolo II, ha avuto il coraggio e la disponibilità di seguire Cristo fin dagli anni giovanili; non ha avuto paura delle non poche difficoltà che ha incontrato sul suo cammino», ha detto Mons. Milito che, richiamandosi alla biografia del Papa, ha indicato nella preghiera fiduciosa e nelle relazioni autentiche con i fratelli una proposta di santità validissima anche per i giovani del nostro tempo. «”Pietro, tu mi ami?”. Dobbiamo sentire come rivolta a noi questa domanda perché è a partire da questo amore che il Signore affida a ciascuno di noi una missione», ha proseguito il presule, che ha presentato la via dello studio come una possibilità offerta agli studenti per alimentare quest’amore ed ha concluso annunciando anche per quest’Anno Scolastico una serie di incontri che egli è solito tenere per meglio conoscere i giovani e partecipare al loro cammino formativo nell’Istituto diocesano. Dopo l’omelia, don Pasquale ha rinnovato la sua Professione di Fede e, toccando il libro dei Santi Vangeli, ha fatto il suo giuramento di fedeltà alla Chiesa ed al suo Magistero. Al termine della Cerimonia, il nuovo Rettore ha rivolto al Vescovo ed ai presenti un breve ed intenso indirizzo di saluto ricordando lo stretto e vitale rapporto tra il Seminario e il Liceo, di cui egli è il Gestore:

«Il Progetto educativo della nostra Scuola intende evidenziarne innanzitutto la singolare natura e la particolare valenza culturale, confessionale e carismatica. Come Scuola essa vive l’insegnamento come educazione alla ricerca culturale serie, corretta e rispettosa delle diverse posizione; come riscoperta dei valori fondamentali per l’uomo quali il rispetto della vita, il ruolo fondamentale della Famiglia e la ricerca della verità; come partecipazione attraverso una vita scolastica attivamente condivisa. Come Scuola cattolica il Liceo “San Paolo” propone una lettura cristiana della storia, del mondo e dell’uomo; offre la propria testimonianza di Fede-Cultura-Vita e aderisce al Magistero della Chiesa ed alla vita dei diversi gruppi ecclesiali. Come Scuola del Seminario Vescovile essa favorisce i rapporti tra alunni, docenti e genitori attraverso un clima di Famiglia, di gioia, speranza e ottimismo; un comportamento semplice, autentico, motivato; una mentalità aperta al dialogo; l’accoglienza di ragazzi, giovani e adulti anche nella diverse situazioni di disagio e l’orientamento e la scoperta delle proprie attitudini e del personale progetto di vita».

Don Pasquale ha poi concluso esprimendo i suoi ringraziamenti e affidandosi alla preghiera dei presenti.

Dopo la Messa, il Vescovo ha incontrato i Superiori del Seminario, il Preside, i Docenti e gli tutti Alunni in un clima di fraternità e di speranza per le prospettive future della vita delle importanti Istituzioni diocesane.   

Sac. Letterio Festa


Allegati:

AGENSIR news

Da Sarajevo all’Ucraina: la paura delle guerra. Kanita: “Ripetevano che non poteva succedere”

La situazione in Ucraina crea immediati parallelismi con la guerra che ha infiammato la Bosnia ed Erzegovina tra il 1992 ed il 1995: a distanza di 30 anni si può… [...]

Perdono d’Assisi. Gigante: “Dire sì al progetto di felicità cui Dio chiama”

“Infinitamente buono” è stato il tema della 40ª Marcia francescana organizzata, come ogni anno, dai Frati minori d’Italia. Centinaia di giovani, provenienti da tutta Italia ed Europa, si sono dati… [...]