News

Ecco il programma del Giubileo dei gruppi di preghiera di Padre Pio

L’arrivo e la presenza delle reliquie di San Pio da Pietralcina nella nostra città e prima di tutto, una risposta alla devozione che molti esprimono durante il corso dell’anno con il pellegrinaggio a San Giovanni rotondo e che per diversi motivi non possono fare. L’occasione che ci viene data è un invito alla preghiera e di maniera particolare nel contesto della Quaresima e nell’anno del giubileo della misericordia una proposta di conversione autentica, per ritornare a Dio con tutto il cuore e per riconciliarci con le persone a noi vicine, vittime, da parte nostra, di qualunque tipo di violenza, soprattutto verso i più deboli e, i più poveri e coloro che non hanno possibilità alcuna di protezione.

Sono giorni propizi, meditando sulle opere da lui compiute, per purificare con il nostro servizio quotidiano, le strutture di carità che abbiamo realizzato con il nostro impegno di volontariato e renderli sempre più strumenti per esercitare la carità verso gli ammalati.

Il primo incontro nella città con i carcerati, vuole essere un’occasione di non giudizio e di proposta di pace e di riconciliazione che viene da Dio per mezzo dei santi, ma nel contempo, dopo la preghiera delle persone ristrette e di tutti gli operatori penitenziari, una richiesta universale di aiuto, affinché per tutti ci sia la possibilità, anche con le leggi dello Stato temprate dalla carità, direi inserire la propria storia nella più grande storia di Dio, ricco di misericordia e di amore.

 

Mons. Silvio Mesiti

Parroco della Concattedrale San Nicola in Palmi

Cappellano del Carcere di Palmi


Allegati: