News

01/Mar/16

“Si alzò e andò in fretta”

Si alzò e andò in fretta” è il tema degli Esercizi Spirituali organizzati dall’Azione Cattolica Diocesana, svoltisi dal 26 al 28 Febbraio a Galatro. A guidare gli esercizi è stato Don Antonio Scordo, Parroco nella Chiesa di S. Ippolito Martire a Gioia Tauro.

Con lo stile semplice e diretto che lo caratterizza, Don Antonio ha guidato gli associati provenienti da tutta la diocesi a scoprire il senso del viaggio di Maria, in una continua analogia con quello che deve essere il nostro viaggio di Cristiani. Un viaggio, dice Don Antonio, che deve essere intrapreso con speranza nel futuro, alla ricerca di una strada che possa condurre alla felicità, per poi scoprire che l’unica possibile è quella di Cristo. Colui che ha seminato così tanto, che è possibile sentire ancora la traccia calda della sua impronta nel mondo, nella luce che accende lo sguardo di chi Lo ha incontrato. La bellezza che il messaggio di Dio Padre esercita, ci mette in movimento, sperimentando così l’attrazione dell’Amore che ci trasforma e vuole darci la sua essenza,  pur mantenendo ciascuno, la propria irripetibile identità.

Quando questo viaggio è fatto con Amore, fiducia in se stessi ed essenzialità, camminando con stupore ad ogni passo, conduce alla gioia piena e duratura. Conformarsi a Cristo ci darà la possibilità di essere portatori di Lui nelle nostre strade, così come Maria lo è stata a suo tempo nelle sue.

Attraverso  la forza dell’Amore di Dio, ciascuno di noi può trovare la forza di compiere una  coraggiosa scelta di campo in favore della luce e della verità. Di quella verità che è vita, di quella vita che già su questa terra può donare a noi e a chi incontriamo uno squarcio di Paradiso.

Di Francesca Bova

Membro del Consiglio Diocesano di AC per il settore Giovani


Allegati:

Apertura Causa Beatificazione di P. Ludovico Polat

Appuntamenti del Vescovo

Tutti gli appuntamenti

AGENSIR news

Sul guscio di una tartaruga. Natura, maestra dei popoli

Nelle credenze popolari delle Solomon Islands, se un’isola affonda significa che è morta la testuggine marina su cui poggiava. Quando c’è un terremoto, è una tartaruga che litiga con un’altra. [...]

La venerabile Enrichetta testimone di qualcosa che è accaduto e ci si è donato: “Fate questo in memoria di me”

La Venerabile Enrichetta ha esercitato “l’apostolato dell’orecchio”. Ascoltare, prima di parlare, come esorta l’apostolo Giacomo: “Ognuno sia pronto ad ascoltare, lento a parlare” (1, 19). Dare gratuitamente un po’ del [...]