News

23/Mar/16

CONCLUSIONE DEI PERCORSI DI FORMAZIONE CARITAS

A conclusione dei Percorsi di formazione organizzati da Caritas diocesana  per l’anno pastorale 2015/2016, si è voluto concretizzare quanto acquisito con una “Pesca di beneficenza”.

Tali percorsi riguardavano la “Pastorale della carità” e il “Volontariato” e quindi la sensibilizzazione al senso della solidarietà, della condivisione, della cittadinanza attiva, dell’educazione alla mondialità. In altre parole, della prossimità nel senso lato della parola.

Questo il motivo per cui i 31 corsisti hanno voluto aderire ad un  Progetto dell’Associazione Insieme fratelli indios “Una lavagna, una matita, un quaderno” per i bambini del catechismo di Belém (Amazzonia) che vivono sulla strada e mancano di tutto il necessario.

Evidentemente, nel corso della formazione, hanno maturato una grande compassione per le storie di vita raccontate tramite un video che ha messo in evidenza le varie povertà, vicine e lontane.

Il  gesto, che ha lo stile della prossimità, vale anche  come animazione per le varie comunità parrocchiali per far sentire loro il bisogno di andare Idealmente nelle periferie esistenziali dell’umanità che vive in terre lontane e nella povertà assoluta. Questo andare anche idealmente potrebbe essere di stimolo a visitare quelle vicine che spesso vengono ignorate; potrebbe essere un linguaggio visibile e coinvolgente, capace di costruire carità.

L’iniziativa è stata patrocinata da un negozio di oggettistica che ha voluto donare spontaneamente  oggetti decorativi. Anche questo gesto ha un significato altamente solidale, bello e nobile che ha reso sicuramente felice chi lo ha compiuto.

Soddisfatti anche gli autori che hanno avuto “occhi per vedere, cuore per sentire, mani per intervenire”; soddisfatti  non tanto per il ricavato che andrà  in beneficenza quanto per la funzione pedagogica  della stessa che è “segno di quel pane Parola, di quel pane Eucarestia e di quel pane Carità” (ETC, 1) che Cristo misericordioso ci dona quotidianamente e in abbondanza con il suo Amore gratuito.

Antonino Parisi

AGENSIR news

Da Sarajevo all’Ucraina: la paura delle guerra. Kanita: “Ripetevano che non poteva succedere”

La situazione in Ucraina crea immediati parallelismi con la guerra che ha infiammato la Bosnia ed Erzegovina tra il 1992 ed il 1995: a distanza di 30 anni si può… [...]

Perdono d’Assisi. Gigante: “Dire sì al progetto di felicità cui Dio chiama”

“Infinitamente buono” è stato il tema della 40ª Marcia francescana organizzata, come ogni anno, dai Frati minori d’Italia. Centinaia di giovani, provenienti da tutta Italia ed Europa, si sono dati… [...]