News

02/Ago/16

I Giovani della Diocesi alla GMG di Cracovia

“La GMG inizia oggi, una volta rientrati nelle vostre case, nelle vostre famiglie, nelle parrocchie, nelle associazioni, nei movimenti, nei luoghi che frequentate”: sono le parole di consegna di Papa Francesco al milione e seicentomila giovani presenti a Cracovia. C’erano anche i giovani della Diocesi di Oppido Mamertina – Palmi, e tra questi un gruppetto di ventisette ragazzi, provenienti da diverse parrocchie accompagnato da me, alla mia prima GMG.

Arrivati a Cracovia il 25 luglio, ogni gruppetto è stato accolto dalle famiglie polacche. E’ stato il più bel souvenir che portiamo a casa, l’ospitalità. I giorni seguenti li abbiamo vissuti partecipando alla Messa quotidiana, alle catechesi, al sacramento della riconciliazione, e poi i giorni finali con il Papa. Indimenticabili la Via Crucis, la Veglia di preghiera e la Santa Messa del 31 luglio che ha concluso questi giorni di preghiera, di amicizia, di pellegrinaggio.

Quanti km a piedi, sotto il sole e la pioggia, con lo zaino sulle spalle! E come dimenticare la sera del 30, più di un milione di giovani, con i cuori e le candele accese in preghiera, in silenzio davanti a Gesù Eucaristia!

Il Papa ha saputo parlare al cuore dei giovani, con parole semplici, invitandoli a non “stare comodi sul divano”, a “sognare”, ha parlato della fatica della vita e delle cadute, di fronte alle quali non bisogna mai arrendersi, ha parlato della Misericordia.

Ha chiesto ai giovani di cambiare il mondo, a partire dalla pace e con il perdono. Come è possibile tutto ciò? Con la preghiera, quando al centro c’è Gesù.

Alcuni di noi poi sono stati a Czestochowa, a pregare davanti all’icona della Madonna nera, nei campi di concentramento e di sterminio di Auschwitz e Birkenau. In questi ultimi luoghi come non rimanere sgomenti davanti all’atrocità del male!

Che cos’è una GMG? E’ un pellegrinaggio, un esodo, verso un punto centrale e focale, Gesù Cristo, tutti insieme.

Nella patria del fondatore delle GMG, san Giovanni Paolo II, dove il cuore misericordioso di Dio si è rivolto a santa Faustina Kowalska, i giovani, accompagnati dai sacerdoti e dai religiosi, hanno offerto una grande testimonianza a tutto il mondo, mettendosi in discussione per convergere verso Gesù Cristo.

Adesso, rientrati nelle nostre famiglie, parrocchie, inizia un altro pellegrinaggio, ancora più difficile, ma bello, ricco, avvincente, che è quello di saper contagiare giovani e meno giovani, trasmettere che l’unica speranza in questo mondo è Dio, con un volto e un nome, Gesù Cristo.

Un’immagine nella mia mente e dentro il mio cuore, quella candela accesa, sabato sera del 30 luglio, il silenzio, i giovani inginocchiati, i canti, tutti uniti, davanti al Maestro che ci guida verso la vita eterna.

Sento di interpretare i sentimenti dei giovani che ho accompagnato, di ringraziarli: ogni giorno celebrando l’Eucaristia, li presentavo a Dio e continuerò a pregare perché in un tempo di fragilità esistenziale, di paura, di ricerca del piacere, possiamo lasciarci guidare dal volto amorevole di Gesù che ha donato la sua vita per ciascuno di noi.

Non è semplice stare al passo dei giovani, non tanto quel passo fisico quanto il passo del saper essere in ascolto con rispetto e in attesa, e con amore, come asseriva san Giovanni Bosco: “Basta che siate giovani, perché io vi ami assai”.

don Leonardo Manuli

(Incaricato per la PG di Oppido Mamertina – Palmi)


Allegati:

Appuntamenti del Vescovo

Tutti gli appuntamenti

AGENSIR news

Marcinelle, memoria e monito. Tutele e sicurezza nei luoghi di lavoro

Risuona 262 volte la campana al Bois du Cazier di Marcinelle, nel bacino carbonifero di Charleroi, durante la commemorazione del 66° anniversario della tragedia dell’8 agosto 1956: un incendio sviluppatosi… [...]

Povertà. De Capite (Caritas): “È sempre più facile caderci ed è sempre più difficile uscirne”

“Negli ultimi anni la condizione di molte persone è cambiata. Il fenomeno della povertà, al di là dei dati che tutti conosciamo, è sempre più preoccupante”. A dirlo è Nunzia… [...]