News

09/Dic/16

Apertura dell’Anno Mariano ai primi Vespri dell’Immacolata Concezione

Con la consegna dell’Esortazione Apostolica Amoris Laetitia di Papa Francesco a tre famiglie, il vescovo della Diocesi di Oppido Mamertina-Palmi, mons. Francesco Milito, ha concluso la Veglia di apertura dell’Anno diocesano dedicato alla figura di Maria Madre, Maestra e Regina di Misericordia.

 
La celebrazione tenutasi ai primi Vespri della Solennità dell’Immacolata Concezione della Vergine nella Cattedrale Santuario di Oppido Mamertina, si è sviluppata lungo un percorso spirituale a tappe creando un ponte ideale tra Fatima e la diocesi calabrese attraverso la meditazione degli scritti di suor Lucia, una delle tre pastorelle veggenti.
 
«L’Anno Mariano – ha detto il Vescovo all’inizio della veglia – si pone a coronamento e sintesi del ciclo trinitario degli anni diocesani della Carità, della Verità e dell’Unità e si innesta nel Centenario delle Apparizioni della Beata Vergine a Fatima. E attraverso la Peregrinatio Mariae della statua pellegrina nelle singole parrocchie, vuole essere il prolungamento dell’Anno della Misericordia e preparazione alla Visita Pastorale, che l’apostolo del suo Figlio in questa Chiesa particolare, a Dio piacendo, avvierà a conclusione dell’Anno mariano».
 
E in riferimento alla vita dei tre pastorelli così ha rapportato la vita dei giovani di oggi: «Occorre far conoscere lo specifico di santità dei pastorinhos Lucia, Giacinta e Francesco, perché diventi ispirativo per le nuove generazioni. Sappiamo di quanta ricchezza di sentimenti e di sprazzi spirituali sono portatori e capaci i nostri ragazzi, ma anche come oggi rischiano di essere soffocati dai tanti richiami seducenti del mondo contemporaneo. Per questo il mondo, tutto, dell’età che sale dovrà essere coinvolto e messo a contatto con la vita dei veggenti».
 
Infine, il Vescovo Francesco ha consegnato gli strumenti per l’anno pastorale:«È necessario riprendere in mano gli Orientamenti pastorali del decennio “Educare alla vita buona del Vangelo” e i documenti del Convegno ecclesiale di Firenze, oltre che avere come base fondamentale l’Amoris laetitia. Ma fulcro dell’attuazione del messaggio di Fatima è l’importanza della confessione e della penitenza come strumenti di conversione personale, altrimenti a poco o a nulla servirebbero tutte le iniziative che svilupperemo nell’Anno Mariano».
 
Al termine della veglia il Vescovo ha consegnato ai rettori dei santuari mariani in diocesi i mattoni della Porta Santa del Giubileo del 2000 fatti pervenire appositamente dalla Basilica di San Giovanni in Laterano.
 
Rosario Rosarno
___
Scarica il pdf della Meditazione del Vescovo:
 

Allegati:

Apertura Causa Beatificazione di P. Ludovico Polat

Appuntamenti del Vescovo

Tutti gli appuntamenti

AGENSIR news

Sul guscio di una tartaruga. Natura, maestra dei popoli

Nelle credenze popolari delle Solomon Islands, se un’isola affonda significa che è morta la testuggine marina su cui poggiava. Quando c’è un terremoto, è una tartaruga che litiga con un’altra. [...]

La venerabile Enrichetta testimone di qualcosa che è accaduto e ci si è donato: “Fate questo in memoria di me”

La Venerabile Enrichetta ha esercitato “l’apostolato dell’orecchio”. Ascoltare, prima di parlare, come esorta l’apostolo Giacomo: “Ognuno sia pronto ad ascoltare, lento a parlare” (1, 19). Dare gratuitamente un po’ del [...]