News

22/Gen/17

Incontro di formazione per i referenti caritas parrocchiali con gli incaricati del Sovvenire

Il

18 gennaio scorso presso l’Auditorium del Centro per il Laicato di Gioia Tauro ha avuto luogo l’incontro degli animatori ed operatori Caritas della Diocesi di Oppido Mamertina – Palmi, sul tema 8XMILLE ‘Ha ricolmato di beni gli affamati…’. All’incontro sono intervenuti: Vincenzo Alampi, Direttore Caritas Diocesana, Nino Parisi, Responsabile Formazione Caritas Diocesana, Walter Tripodi, Incaricato del Sovvenire Diocesi di Oppido M.-Palmi e Stefano M. Gasseri, Responsabile CEI della formazione territoriale.

L’incontro è stato preceduto, in mattinata, dalla visita di Stefano M. Gasseri e di Walter Tripodi, alla sede della Caritas Diocesana dove hanno incontrato il Direttore insieme all’Equipe Caritas, e ad alcune opere segno della Caritas come il Centro di Ascolto, il Magazzino alimenti e vestiario, il Centro di prima accoglienza per profughi e richiedenti asilo di Drosi, ad alcuni casolari del territorio che ospitano migranti stagionali e alla Tendopoli di San Ferdinando. Luoghi simbolo, ma soprattutto esperienze forti di impegno di carità e di vicinanza dove la Caritas sperimenta ogni giorno le periferie esistenziali, richiamate spesso da Papa Francesco e dove è possibile toccare la Carne di Cristo, nei poveri e negli emarginati. L’incontro con tante persone, specialmente famiglie con bambini, seguiti dalla Caritas, ci ha commossi e coinvolti, ancora una volta, ma nello stesso tempo ci ha incoraggiati ad essere sempre di più sostegno e lievito, con amore fraterno, solidarietà e condivisione.

L’incontro pomeridiano con gli animatori e gli operatori della Caritas, è iniziato con i saluti del Direttore Caritas il quale ha sottolineato l’importanza dell’incontro che intreccia e rafforza il fine pedagogico della Caritas e i saluti del responsabile della formazione Caritas il quale ha ricordato di aver trattato il tema dell’8xmille, durante il corso di formazione, ma soprattutto come è intenzione farlo diventare materia di formazione Caritas per i prossimi percorsi formativi. Di seguito, sono intervenuti i due relatori Stefano M. Gasseri e Walter Tripodi, i quali dopo aver ricordato l’emozione degli incontri con le persone della mattinata, hanno ripreso i termini venuti fuori, quasi spontaneamente, durante quegli incontri: condivisione, prossimità, corresponsabilità, relazioni, prendersi cura. Termini, i quali come filo conduttore, intrecciano quotidianamente il tema dell’8xmille ai poveri, alle comunità, alla Chiesa e di conseguenza devono contrassegnare il nostro agire e orientarlo al bene comune.

Il Responsabile formazione territoriale della CEI, Stefano M. Gasseri, concludendo, dopo aver ricordato che i criteri di riferimento e le modalità utilizzate dal Servizio per la promozione del sostegno economico alla Chiesa, per l’azione di sensibilizzazione, sono contenute nel documento dei vescovi italiani ‘Sovvenire alle necessità della Chiesa. Corresponsabilità e partecipazione dei fedeli’, dove vengono indicate le valenze teologiche e le direttive pastorali dell’episcopato in ordine alla corretta impostazione ed alla articolazione concreta del rapporto della Chiesa con i beni temporali e le risorse finanziarie, ha incoraggiato tutti ad una partecipazione più diretta e corresponsabile nell’amministrazione delle risorse materiali, in vista del raggiungimento delle finalità spirituali della Chiesa, facendolo come la Caritas, con un rapporto da cuore a cuore.

a cura della Caritas Diocesana

 


Allegati:

AGENSIR news

Marcinelle, memoria e monito. Tutele e sicurezza nei luoghi di lavoro

Risuona 262 volte la campana al Bois du Cazier di Marcinelle, nel bacino carbonifero di Charleroi, durante la commemorazione del 66° anniversario della tragedia dell’8 agosto 1956: un incendio sviluppatosi… [...]

Povertà. De Capite (Caritas): “È sempre più facile caderci ed è sempre più difficile uscirne”

“Negli ultimi anni la condizione di molte persone è cambiata. Il fenomeno della povertà, al di là dei dati che tutti conosciamo, è sempre più preoccupante”. A dirlo è Nunzia… [...]