News

24/Feb/17

La Madonna pellegrina ad Amato

Dopo tanta attesa finalmente la Madonna di Fatima è giunta ad Amato il 15 e 16 Febbraio scorso.

«Maria di Fatima Pellegrina in terra come l’uomo in questa vita». Non sappiamo forse che la nostra esistenza terrena è pellegrinaggio? Per noi credenti non è la vita in questo mondo ad essere eterna ma quella in cielo accanto a Colei che oggi viene nelle nostre città, visita le nostre Chiese, entra nella nostra vita. Maria entra in punta di piedi, silenziosa, con la sua semplicità di donna, col suo sguardo dolce riuscendo a trovare posto nei nostri cuori e nelle nostre società distanti da Cristo, ma che, in verità, hanno oggi più bisogno di ieri, senza capirlo, di MARIA – di salvezza.

Maria di Fatima Pellegrina è entrata in Chiesa da ‘Regina del Cielo’ ed è andata via così come è Lei: ‘Regina del Cielo e della Terra’.

L’arrivo della statua è stata accolta con grande entusiasmo dalla comunità amatese che da sempre  è devota alla Madonna Immacolata, che ne è divenuta la sua Patrona.

‘Certamente Maria ha questo desiderio…sicuramente Noi abbiamo questo bisogno’.

Riscoprire Maria, la sua vita di donna e madre che ha saputo segregare nel suo cuore di ragazza umile delle verità più grandi di Lei con grande nobiltà, e sopportare i dolori di questa vita terrena con un silenzio urlante.

É ripercorrendo la vita di Maria che noi oggi possiamo comprendere e affrontare  le difficoltà quotidiane e intraprendere un cammino di salvezza. La visita della Madonna di Fatima non è stato un evento qualunque, non è arrivata per caso, ma è giunto in un momento storico importante per la crescita cristiana della comunità che ha voglia di amore, fede, salvezza. Noi tutti abbiamo gioito di questo grande ‘dono’ che ci è stato fatto, perché avere Maria di Fatima Pellegrina nella nostra Parrocchia ci ha dato la possibilità di riscoprire che anche noi, pur con le nostre debolezze umane, possiamo operare per il bene e giungere alla salvezza.

Sono stati giorni pieni di entusiasmo, gioia, amore che difficilmente saranno dimenticati. Le emozioni vissute e il messaggio che la Madonna ha voluto darci non svaniranno mai.

 

«AVE MARIA  beata nel cielo,

piena di grazia, prega per noi peccatori. AMEN»

 

Angela Crea


Allegati:

AGENSIR news

Marcinelle, memoria e monito. Tutele e sicurezza nei luoghi di lavoro

Risuona 262 volte la campana al Bois du Cazier di Marcinelle, nel bacino carbonifero di Charleroi, durante la commemorazione del 66° anniversario della tragedia dell’8 agosto 1956: un incendio sviluppatosi… [...]

Povertà. De Capite (Caritas): “È sempre più facile caderci ed è sempre più difficile uscirne”

“Negli ultimi anni la condizione di molte persone è cambiata. Il fenomeno della povertà, al di là dei dati che tutti conosciamo, è sempre più preoccupante”. A dirlo è Nunzia… [...]