News

28/Mar/17

La presenza della Madonna di Fatima nella parrocchia ‘S. Giovanni Battista’ in Rosarno

Proveniente dalla Parrocchie ‘San Sebastiano’ e ‘San Nicola’ di Anoia, accompagnata dal Parroco Don Cesare Di Leo e da un gruppo di fedeli, in un clima di trepida emozione e gioia, salutata da centinaia di bianchi foulards, è giunta a Rosarno l’effigie della Madonna di Fatima.

Sul sagrato della Chiesa Madre, accolta dal parroco, da Don Luigi Ragione, dai Gruppi, dalle Associazioni, dai ragazzi del cammino di catechesi, dalle religiose, dai ministri ordinati,  è stata consegnata a Don Pino Varrà e quindi affidata ad un gruppo di mamme, e al canto dell’inno  ‘il tredici maggio’,  la statua è stata collocata accanto al fonte battesimale e all’evangeliario.

Dopo il saluto iniziale, Don Pino ha voluto sottolineare come l’anno mariano e la Peregrinatio ci danno l’opportunità di riflettere sul messaggio di Maria.

 Le 7 stazioni della Via Matris hanno fatto rivivere all’assemblea i momenti del dolore di Maria associata alla passione di Cristo .

La mattina di sabato 25, annunciazione dell’ angelo a Maria, un nutrito gruppo di mamme e alcuni papà hanno partecipato alla celebrazione dell’Eucaristia dedicata alla famiglia.

Prendendo lo spunto dai ricordi di Suor Lucia, Don Pino ha ricordato l’impegno dell’educazione cristiana dei figli, la necessità della preghiera in casa, la testimonianza della pace attraverso il rifiuto di ogni genere di guerra e mentalità di sopraffazione, la centralità della Domenica, Pasqua della settimana e Giorno del Signore.

Alla preghiera dei genitori è seguita la preghiera dei bambini della Scuola primaria ‘Marvasi’ che, guidati dagli insegnanti, hanno espresso le loro suppliche invocando l’intercessione di Maria.

La Veglia Eucaristia per le vocazioni sacerdotali e religiose ha concluso la giornata.

Anche Domenica, prendendo spunto dalla Parola della  4a  domenica di quaresima, il parroco ha sottolineato come l’apparizione di Maria a Fatima sia stata caratterizzata da momenti di intensa luce che portava alla luce della fede.

Anche la Scuola  materna e la ‘Scopelliti-Green’, lunedì 27, hanno sostato in preghiera dinanzi alla Vergine affidando a Lei il loro presente e invocando protezione e speranza per il futuro.

Molti fedeli nel silenzio e nella contemplazione hanno affidato a Maria la loro vita, le hanno consegnato le loro gioie e le speranze, hanno invocato aiuto per i dolori e le difficoltà della vita, hanno chiesto luce per i dubbi e le incertezze. A tutti Maria ha consegnato ancora una volta il suo messaggio: «Il mio cuore trionferà, abbiate fede nella Parola del Figlio mio, pregate per la pace e per la chiesa».

a cura della parrocchia ‘S. Giovanni Battista’


Allegati:

AGENSIR news

Marcinelle, memoria e monito. Tutele e sicurezza nei luoghi di lavoro

Risuona 262 volte la campana al Bois du Cazier di Marcinelle, nel bacino carbonifero di Charleroi, durante la commemorazione del 66° anniversario della tragedia dell’8 agosto 1956: un incendio sviluppatosi… [...]

Povertà. De Capite (Caritas): “È sempre più facile caderci ed è sempre più difficile uscirne”

“Negli ultimi anni la condizione di molte persone è cambiata. Il fenomeno della povertà, al di là dei dati che tutti conosciamo, è sempre più preoccupante”. A dirlo è Nunzia… [...]