News

La processione del Corpus Domini a Taurianova nel segno della comunione delle comunità parrocchiali

Si è svolta domenica 18 giugno a Taurianova, la processione del ‘Corpus Domini’. Le origini della festa risalgono al 1264 quando Urbano IV con la Bolla Papale ‘Transiturus de hoc mundo’, instituì la relativa festa, per rendere onore al SS. Sacramento e celebrare il mistero dell’Eucarestia istituita da Gesù nell’Ultima Cena.

 La tradizione vuole, dal tempo del Vescovo Mons. Benigno Papa, che ogni anno in occasione della Solennità del Corpus Domini le tre Parrocchie di Taurianova centro ‘SS. Apostoli Pietro e Paolo’, ‘Maria Santissima delle Grazie’ e ‘San Giuseppe’, unitamente alla Comunità dei Padri Cappuccini di Taurianova, si riuniscano insieme per vivere questo grande momento di spiritualità. Quest’anno la Concelebrazione Eucaristica ha avuto luogo nella Parrocchia dei ‘SS. Apostoli Pietro e Paolo’. Il Parroco don Alfonso Franco, il vice parroco P. Sebastian, insieme ai Confratelli don Antonio Spizzica, don Cosimo Furfaro e ai Diaconi Alampi e Martino, hanno saputo imprimere nel cuore dei fedeli il senso di una comunione fraterna.

Il Parroco don Alfonso Franco, nella sua omelia, ha fatto riflettere e meditare sul mistero della Trinità e sul mistero dell’Incarnazione che sta a fondamento  del mistero Eucaristico dove Gesù si fa dono della vita per l’umanità intera.

Davanti a questi misteri, che noi crediamo fermamente per fede, umilmente come i due grandi santi di nome Tommaso dobbiamo professare il mistero e dire come l’Apostolo Tommaso: ‘Signore mio e Dio mio’, e come l’altro grande santo, Tommaso D’Aquino, che con la sua somma intelligenza, quando non riusciva a penetrare i misteri di Dio, davanti al Tabernacolo piegava il capo dicendo: ‘Io credo’.

Concludendo l’omelia, don Alfonso, si rifà a una riflessione del grande pensatore cristiano Romano Guardini, il quale disse che neppure lui tentava di spiegare il mistero della Consacrazione Eucaristica e consigliava di ripetere, come insegna la liturgia: ‘Mistero della fede’.

Alla fine della Concelebrazione, si è svolta la processione del Corpus Domini per le vie principali della città, a cui hanno partecipato anche i fanciulli delle tre parrocchie che hanno ricevuto quest’anno la Prima Comunione. Una processione ordinata e molto partecipata dai fedeli dando una testimonianza di fede e di amore verso Gesù Eucarestia. La processione si è snodata dapprima verso la Chiesa di San Giuseppe per concludersi poi presso Chiesa Maria Santissima delle Grazie. Dopo avere impartito la Benedizione Eucaristica, Don Alfonso Franco ha ringraziato anche a nome dei Confratelli Parroci, il folto numero dei fedeli partecipanti e in particolare le Autorità Civili e Militari, dando appuntamento al prossimo incontro comunitario.

Angela Caccamo


Allegati:

AGENSIR news

La presenza di Gesù l’unica cosa necessaria per superare le prove della vita

“Lo presero con sé, così com’era, nella barca”. Con questa affermazione, apparentemente di poco conto, l’evangelista Marco introduce il lettore nella parabola della tempesta sedata. Il fatto che Gesù venga… [...]

Rifugiati. Caritas Italiana: “Il conflitto israelo-palestinese e la tragedia di un popolo esule”

Un dossier con dati e testimonianze per ripercorrere la storia del conflitto israelo-palestinese raccontato dalla prospettiva dei rifugiati palestinesi. Si intitola “Una vita da rifugiati. Il conflitto israelo-palestinese e la… [...]