News

Il Rito di ammissione alla Guardia d’Onore al Sacro Cuore di Gesù pre il Monastero della Visitazione

Il 23 giugno scorso, Solennità del Sacro Cuore di Gesù, le Suore di Clausura, del Monastero della Visitazione S. Maria di Taurianova, hanno vissuto un momento di grazia, perché, per mano di S. Ecc.za Rev.ma Mons. F. Milito, 20 fedeli, provenienti da diverse parrocchie, sono diventati Guardia D’Onore al Sacro Cuore di Gesù. Nella stessa liturgia le guide di 7 gruppi parrocchiali di Guardie d’Onore sono stati istituiti zelatori e 30 famiglie si sono consacrate al Sacro Cuore di Gesù. Il Vescovo, a conclusione della solenne liturgia, ha nominato Don Antonello Messina nuovo direttore delle G.d.O al Sacro Cuore di Gesù. Don Antonello subentra a don Antonio Iamundo, Cappellano del Monastero della Visitazione di S. Maria. Mons. Milito ha sottolineato l’importanza della devozione al S. Cuore, voluto da Gesù in persona attraverso le Sue apparizioni a S. Margherita Maria Alacoque per 17 anni, dal 27 dicembre 1673 fino alla morte della stessa.

Come nasce la Guardia d’Onore al Sacro Cuore di Gesù?

Il 13 marzo 1863 la Serva di Dio Suor Maria del Sacro Cuore fu ispirata da Gesù e cominciò a praticare la devozione al Sacro Cuore nel Monastero della Visitazione di Bourg (Francia) fino alla sua morte avvenuta il 3 agosto 1903. Ella istituì il Gruppo delle Guardie d’Onore per la necessità di amare il Cuore dell’amatissimo Gesù partendo dalle parole che Gesù stesso disse a S. Margherita: «Voglio formare intorno al mio Cuore una corona di dodici stelle composta dai miei più cari e fedeli servi» così ha ideato il Quadrante della G.d.O., cioè una corona di stelle intorno al Cuore di Gesù. Nel 1864 Mons. De Langalerie, Vescovo di Belley en Bresse, eresse canonicamente il gruppo della Guardia d’Onore in Confraternita e in seguito, nel 1878, Leone XIII la elevò a Arciconfraternita per il Belgio e per la Francia.

Cos’è dunque una Guardia d’Onore al Sacro Cuore di Gesù?

E’ la risposta più semplice e più conforme al suddetto desiderio di Gesù e cioè di riunire intorno al Suo Cuore, in ogni ora del giorno e della notte, cuori fedeli, e amanti di ogni categoria di persone: Sommi Pontefici, sacerdoti, religiosi e religiose, mamme, operai, impiegati, giovani, studenti, bambini ed in particolar modo i malati.  

Il fine delle G.d.O. di tutto il mondo è consolare il S. Cuore trafitto un giorno sulla Croce, oggi dalla dimenticanza e dall’ingratitudine degli uomini, rendendogli, di ora in ora, un culto di gloria, di amore e di riparazione perpetuo. In quell’ora al giorno, la G.d.O. offre, tutte le sue fatiche, le sue pene, il suo cuore a Gesù tenendosi in spirito stretto a Lui che geme nel S. Tabernacolo, riparandone l’amore oltraggiato e dimenticato dai peccatori che l’offendono in tutto il mondo, trattandolo a volte anche con disprezzo. In quell’ora, inoltre, la G.d.O. si unisce spiritualmente a tutti i sacerdoti che in quel momento, in tutto il mondo, stanno celebrando la S. Messa. Il I venerdì del mese, è il giorno proprio della G.d.O dedicato all’amore e alla riparazione attraverso la Comunione e l’Adorazione riparatrice.

Il 25 giugno Don Antonello Messina, neo direttore delle G.d.O al Sacro Cuore di Gesù, ha istituito altre 20 G.d.O., altri 3 zelatori e alla fine della Celebrazione Eucaristica altre 30 famiglie si sono consacrate al Sacro Cuore di Gesù. Il nuovo direttore ha ribadito, nella sua omelia, che sia come cristiani che a maggior ragione come G.d.O. ognuno deve sforzarsi di essere un piccolo pezzettino del grande Cuore di Gesù: dolce, umile, pieno di bontà e carità fraterna, diversamente non si ama e non si onora il Sacro Cuore.

La sede centrale delle G.d.O. si trova a tutt’oggi presso il Monastero della Visitazione dei Paray-le-Monial e il presidente internazionale è il Card. Stanislaw Rylko.
 
Carmen Maria Manno

Allegati: