News

I giovani del gruppo scout Agesci Palmi 2 in route a Lampedusa

Quest’anno i ragazzi del clan ‘Fiamma’ del gruppo AGESCI Palmi 2 hanno intrapreso un percorso per riscoprire la vera essenza del servizio affrontando la realtà dell’immigrazione.

L’idea è nata grazie a un’esperienza vissuta dal noviziato, la quale ha suscitato in loro parecchio interesse e curiosità poichè hanno toccato con mano la condizione degli immigrati in un centro di accoglienza a Reggio Calabria.

La loro testimonianza ha fatto si che l’intero clan si sentisse coinvolto così da cominciare un nuovo capitolo per il proprio cammino.

Prima di compiere un’azione concreta il clan ha discusso in base alle proprie conoscenze e al proprio punto di vista accorgendosi che le informazioni acquisite dai media non erano sufficienti perciò hanno deciso di documentarsi e raccogliere informazioni. La prima esperienza forte che ha segnato l’inizio di questo percorso è stato il servizio intrapreso al Bosco di Rosarno dove, grazie all’aiuto di don Roberto, i ragazzi hanno conosciuto le dure condizioni di vita all’interno delle tendopoli e hanno inoltre condiviso, nonostante le diversità, la cena con la squadra di calcio rappresentante.

Durante le riunioni il clan ha continuato a trattare l’argomento fino a maturare l’idea di recarsi a Lampedusa per capire in che modo vengono accolti gli immigrati al momento degli sbarchi. L’obiettivo comune del gruppo è quello di divulgare le informazioni ricavate dal servizio svolto affinchè i ragazzi stessi possano essere il ‘cambiamento che vogliono vedere nel mondo’.

a cura della parrocchia ‘San Nicola-Concattedrale’ in Palmi


Allegati:

AGENSIR news

Ddl Zan. Cei: “Serve un dialogo aperto e non pregiudiziale”

La Segreteria di Stato vaticana “auspica che la parte italiana possa tenere in debita considerazione le argomentazioni e trovare così una diversa modulazione del testo continuando a garantire il rispetto… [...]

Corridoi umanitari, arrivati oggi 45 profughi dal Niger. Tra loro 22 bambini

E’ il secondo corridoio umanitario proveniente dal Niger ma il primo in tempo di riaperture e nuove speranze per la fine della pandemia. Si tratta di 45 profughi di otto… [...]