News

07/Gen/20

XV Anniversario della morte di Don Pietro Franco

 

Riportiamo un ulteriore ricordo di Don Pietro Franco nelle parole della referente della Parrocchia Santi Apostoli Pietro e Paolo di Taurianova

 

*****

 

Nel fare memoria del carissimo don Pietro Franco, che quindici anni fa tornava alla Casa del Padre, tanti fedeli laici, le autorità civili, gli amici e i parenti hanno partecipato alla Solenne Concelebrazione Eucaristica, svoltasi sera di domenica 5 gennaio 2020 nella Parrocchia dei Santi Apostoli Pietro e Paolo di Taurianova, presieduta dal parroco Don Cesare Di Leo, presenti don Alfonso Franco, parroco uscente e fratello dell’amato e indimenticato don Pietro, legatissimo al fratello maggiore e di cui ne ha seguito le orme, presenti anche Padre Rocco Spagnolo, don Pino De Raco, don Mino Ciano, don Giuseppe Saccà, don Marco Larosa, Don Antonello Messina, i Diaconi confratelli don Cecè Alampi e don Carmelo Vicari, i ministranti e il seminarista Domenico Alampi.

L’apostolato di don Pietro, definito “prete di strada”, è stato tutto centrato sul Vangelo vissuto, espresso nell’esperienza della vita quotidiana, contribuendo in modo originale ed innovativo ad arricchire la Comunità di Taurianova e le Comunità dove ha operato da parroco, con le sue attività pastorali creative nel campo dell’arte: con il teatro, il giornalismo, i due canali radio e televisivo, il periodico diocesano “Acquaviva” e la rivista trimestrale “Acquaviva Cultura”, il periodico parrocchiale “Comunità”, la fotografia, lo sport, gli scout, l’azione cattolica l’insegnamento nelle scuole; “tutto è grazia”, come diceva santa Teresina.

Sempre dedito ai giovani e loro punto di riferimento, offrendo a loro occasioni di formazione umana, sociale e cristiana, zelante nelle sue iniziative, riusciva a coinvolgere anche coloro che non frequentavano o non credevano, un amico e compagno di guida, un vero padre e maestro della gioventù, oggi lo potremmo considerare un piccolo don Bosco della nostra epoca.

Il Sacerdote è come una stella cometa”: con queste parole don Cesare nella sua omelia descrive la bella figura del sacerdote, con particolare riferimento a Don Pietro, il quale, come i Magi, che seguivano la stella cometa per giungere a Gesù, indirizzava quanti, con lui venivano a contatto, al Divino Maestro. Non per nulla quanti l’hanno conosciuto testimoniano come egli sia stato una guida per molti a Taurianova e nelle Comunità Ecclesiali dove svolse il suo ministero pastorale.

Il Signore ha voluto donarci questo splendido sacerdote e noi dobbiamo essere grati al Signore per averlo conosciuto.

Nessuno viene al mondo per caso, Dio si manifesta anche attraverso le persone che nella vita ci segnano e ci conducono alla santità.

A conclusione del Sacro Rito, don Alfonso ha ringraziato tutti i presenti che hanno partecipato alla concelebrazione e i confratelli sacerdoti, diaconi e ministranti. Don Alfonso ha voluto donare a tutti, per onorare la memoria del fratello don Pietro, un libro da lui scritto, con le riflessioni sul Padre Nostro, e un opuscolo sul calabrese religioso Gioacchino da Fiore.

 

 

Referente parrocchiale

Angela Caccamo


Allegati:

AGENSIR news

Suicidio assistito. Gambino: “No a letture ‘estensive’ dei paletti fissati dalla Consulta e a fughe in avanti. Serve una legge coerente con quanto stabilito dalla Corte”

Ora anche Antonio, nome di fantasia, tetraplegico di 44 anni, potrà accedere al suicidio medicalmente assistito attraverso l’auto-somministrazione di un farmaco letale. Ieri la Commissione medica dell’Azienda sanitaria unica regionale… [...]

Putin taglia il gas e l’Ue corre ai ripari risparmiando energia. La situazione in Europa

“Salvare il gas per un inverno sicuro”: Putin e Gazprom minacciano di tagliare ulteriormente le forniture energetiche all’Europa amica dell’Ucraina. E così l’Unione corre ai ripari, decidendo di tagliare i… [...]