News

Protocollo per la ripresa delle celebrazioni con il popolo – Norme Diocesane

Carissimi,
nelle scorse settimane, con mie lettere unite alla trasmissione del Protocollo per la ripresa delle celebrazioni con il popolo (Prot. n. 158/20 – CVD-19 del 7 maggio 2020), vi è stato chiesto di far pervenire tutte le osservazioni che per l’esperienza pastorale, resa più attenta a seguito del Covid-19, potessero servire alla compilazione delle Norme Diocesane nel modo più completo possibile (Prot. n. 160/20 – CVD-19 dell’11 maggio 2020).

Una Commissione presieduta dal Vicario Generale con i Vicari Episcopali e l’ing. Martino, recependo i pochi riscontri pervenuti, con la mia guida vi ha lavorato con molta applicazione. Il frutto di tale lavoro è costituito da queste Norme Diocesane, mentre il Piano operativo sicurezza anticovid-19 è opera dell’ing. Martino per le competenze tecniche e di Ufficio.

Considerata la delicatezza della materia, si possono comprendere personali e convinti motivi di riserva sulla regolamentazione. La base delle disposizioni attiene a due Enti, superiori e sovrani, il Ministero dell’Interno e la Conferenza Episcopale Italiana. Dietro questi massimi vertici, per quanto riguarda l’Italia è più che verisimile ritenere la supervisione e l’accettazione della Santa Sede, sia per quanto riguarda il particolare rapporto con il Santo Padre, sia con Uffici e Congregazioni romane.

In tempo di difficoltà e dinanzi a fenomeni completamente nuovi vengono sempre messi in discussione nuovi comportamenti rispetto a quelli precedenti e ordinari.

Mantenendo tutti viva la consapevolezza della sobria e alta dignità del Culto divino e del suo significato profondo che supera ogni regola umana, il buon senso e una lettura sapienziale, con prudenza e tatto, possono aiutarci a vivere questa fase di transizione con forte senso di responsabilità in quanto ministri di culto, i primi educatori delle nostre comunità, ed anche legali responsabili dell’Ente con tutto ciò che questi ruoli comportano.  
 
Certo della condivisione, l’auspicio che la gradualità, cui siamo chiamati a dare la nostra collaborazione, rappresenti una tappa verso la normalità. Se sapremo, per come dovremo, vigilare a che le nostre celebrazioni siano rispettose delle norme, in questa delicata e non meno problematica “Fase 2”, non si presteranno ad essere occasioni di pericolo per la salute personale e pubblica. 

Fino ad oggi, con l’aiuto del Signore, della Beata Vergine Maria e dei Santi che abbiamo pregato e ci hanno dato ascolto, siamo stati salvaguardati dalle forti criticità diffuse su tutto il territorio nazionale, in alcune Regioni in modo davvero tragico e dolorante. D’altra parte, se è vero che le curve statistiche dei deceduti si sono bloccate, che i dimessi e i guariti stanno aumentando, i casi attivi sono superiori a questi ultimi. 
 
In vista della necessaria collaborazione con le istituzioni civili, vogliate consegnare copia di questi testi ai Sindaci e alle Forze dell’Ordine.

18 maggio 2020
                                                                                                                                   + Francesco Milito
                                                                                                                                            Vescovo       

        
 
 
 

Allegati:

Appuntamenti del Vescovo

Tutti gli appuntamenti

AGENSIR news

Il disegno di Dio si compie sempre

Il Vangelo di Marco scelto dalla liturgia per questa domenica, riporta una delle parabole più conosciute e suggestive sulla venuta del Regno di Dio, il suo apparire, è paragonato al… [...]

Estate ragazzi: “Lassie. Torna a casa” (al cinema), “The Mauritanian” (Prime Video), “Lasciali parlare” (RakutenTv) e “Il concorso” (NOW)

Estate ragazzi. Inizia il ciclo di film di respiro familiare nei cinema. Tra i primi titoli c’è “Lassie. Torna a casa” di Hanno Olderdissen nelle sale italiane dal 10 giugno.… [...]