News

Si è concluso, con molte sorprese, il restauro del San Girolamo di Cittanova

 Il 28 settembre 2020 si è concluso il restauro della monumentale statua lignea di San Girolamo, conservata nella chiesa Matrice di Cittanova e ritenuta un’opera di grande valore del celebre scultore tardo settecentesco Domenico De Lorenzo di Garopoli.
 
L’intervento è iniziato per volontà del Parroco, don Letterio Festa, per i milleseicento anni dalla morte di San Girolamo e del motu proprio “Aperuit illis” di Papa Francesco ed è stato eseguito dal Dott. Giuseppe Mantella, restauratore di fama internazionale che ha restaurato opere di Artisti del calibro di Arnolfo di Cambio, Gian Lorenzo Bernini e Mattia Preti ed è stato effettuato sotto la guida dell’Ing. Paolo Martino, Direttore dell’Ufficio Diocesano per i Beni Culturali Ecclesiastici e della Dott.ssa Maria Cristina Schiavone della Soprintendenza delle Belle Arti di Reggio Calabria.
 
Le ricerche storiche d’archivio, effettuate dal Parroco per l’occasione, hanno dimostrato che quella di San Girolamo è “la statua degli Artisti”. Infatti, oltre al De Lorenzo che l’ha scolpita, ha restaurato l’effigie, nella prima metà del XIX secolo, lo scultore serrese Raffaele Salerno, mentre un secondo intervenuto è stato effettuato dall’illustre maestro siciliano Francesco Biangardi e, infine, un ultimo restauro fu realizzato da un non ben precisato «artista napoletano» dopo una caduta avvenuta durante la processione del 1909.
Altre parti del gruppo statuario furono, invece, sostituite sul finire del XIX secolo. Il leone fu rifatto dal maestro Nicola Valentino di Arena mentre il Crocifisso fu sostituito con uno realizzato dall’insigne scultore e pittore napoletano Francesco Citarelli, le cui opere sono conservate nel Palazzo Reale e nelle chiese della Città partenopea.
 
A finanziare l’opera è stato, in larga misura, il Comune di Cittanova che, attraverso il Sindaco, Francesco Cosentino, ha seguito tutte le fasi dell’intervento. Un altro significativo contributo è stato offerto dalla Banca di Credito Cooperativo di Cittanova che con questo simbolico gesto ha voluto dimostrare il suo legame con la Città e il Territorio in cui opera.
Ad organizzare i festeggiamenti patronali è stato un Comitato composto da Giovani e Giovanissimi che hanno dimostrato, con il loro operare, che ci può essere un modo “nuovo” e più a passo con i tempi di fare festa.
 
Infine, il restauro e la data anniversaria del pio transito di San Girolamo hanno innescato una significativa eco sui Social media al punto che tante persone si sono cimentate nei loro Blog nel dare una rilettura, in chiave moderna, dell’intensa vicenda umana e spirituale del Dottore massimo della Chiesa.

Sac. Letterio Festa

Allegati:

AGENSIR news

La presenza di Gesù l’unica cosa necessaria per superare le prove della vita

“Lo presero con sé, così com’era, nella barca”. Con questa affermazione, apparentemente di poco conto, l’evangelista Marco introduce il lettore nella parabola della tempesta sedata. Il fatto che Gesù venga… [...]

Rifugiati. Caritas Italiana: “Il conflitto israelo-palestinese e la tragedia di un popolo esule”

Un dossier con dati e testimonianze per ripercorrere la storia del conflitto israelo-palestinese raccontato dalla prospettiva dei rifugiati palestinesi. Si intitola “Una vita da rifugiati. Il conflitto israelo-palestinese e la… [...]