News

Mai senza l’altro: è nata l’Associazione Don Adriano Raso

Donare e donarsi: il giusto sentiero per vivere con amore. È con  questo scopo che è sorta l’Associazione Don Adriano Raso ad Anoia, inaugurata il 29 maggio presso la Chiesa San Nicola alla presenza del Parroco  Don Giuseppe Calimera, del Diacono Don Michele Vomera, del primo cittadino Alessandro Demarzo, del Vicario Episcopale per la famiglia e i problemi sociali Monsignor Giuseppe Demasi, del Coordinatore Regionale del Progetto Policoro Calabria Fratel Stefano Caria e di Adriana Raso, congiunta del compianto Don Adriano, presente alla cerimonia anche il Vicario Generale Mons. Varrà

L’idea dell’associazione è sbocciata con l’intenzione di dare prosecuzione all’amorevole opera verso i più bisognosi di Don Adriano Raso il parroco che guidò la Parrocchia di Anoia per 15 anni fino al 2002 quando sfortunatamente morì in un incidente stradale. Il suo motto donarsi con amore ha racchiuso nelle sue opere tutto il senso del donarsi, dell’essere missionari d’amore per gli altri soprattutto nella visuale di una comunità che sulle basi di una profonda cristianità ha il compito di prestarsi anima e cuore a chi è solo e meno fortunato. Mons. Demasi lo ha definito “testamento di valori, di testimonianza concreta di cosa significhi vivere amando”.

L’ Associazione, nell’ottica lungimirante di crescere in componenti ed attività, è attualmente composta da 12 soci fondatori e da molte figure esterne che collaboreranno con essa, ha tra gli obiettivi statutari la promozione di attività sociali, socio-sanitarie, culturali, ricreative e sportive che accentrano nell’ individuo una risorsa essenziale per/e nella comunità. Si vuole intraprendere un cammino rettilineo tra i giovani come risorsa del futuro e gli anziani risorsa per il presente con il grande bagaglio del passato.

Come il parroco Don Giuseppe Calimera ha ricordato nell’ intervento di presentazione, davanti all’emozione dei familiari di Don Adriano, il profondo significato di cooperare risiede nell’ espressione di Papa Francesco “pazzi d’amore per aiutare gli altri”, in quel benefico donarsi a chi versa in un momento di necessità e non può che trovare in chi si offre un gesto di supporto e conforto. A margine di un augurio di prosperità per la neonata associazione e la comunità parrocchiale di Anoia affinché il dono di sé stessi sia il collante di tante altre iniziative risuona il messaggio del Diacono Don Michele Vomera di “coltivare il prato di una primavera perpetua per chi verrà dopo”, perché il bene è proprio questo: il seme di un fiore che darà colore e profumo al futuro in una società tanto bisognosa di attenzioni positive.

Lina Maiolo

AGENSIR news

Il Vangelo di domenica 1 agosto: “Signore, dacci sempre questo pane”

“Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio?”. Gesù rispose loro: “Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato”. Il tema centrale di… [...]

Sanificare la comunicazione

Un fiume di parole esondano continuamente dalla bocca di ciascuno, per dimostrare di avere ragione. Spesso l’istintività prende il sopravvento e, senza fondare le proprie ragioni anche con il confronto,… [...]