News

Il Sinodo Diocesano: Orizzonti Teologici e Pastorali – Serra club Oppido Mamertina-Palmi

Si è tenuto sabato 23 ottobre  nella Chiesa Matrice “San Girolamo” di Cittanova un interessante incontro dal tema  “Il Sinodo Diocesano: Orizzonti Teologici e Pastorali”, fortemente voluto e organizzato dal Serra club Oppido Mamertina-Palmi, presieduto dalla dott.ssa Antonietta Bonarrigo, con l’obiettivo specifico di  richiamare l’attenzione sulla fondamentale importanza che assume la formazione di una coscienza sinodale, capace d’ispirare un processo di evangelizzazione aperto alla missione e al servizio di una rinnovata progettualità pastorale.

L’evento si è aperto con i  saluti di Don Letterio Festa, Direttore Archivio Diocesano e Parroco Chiesa Matrice “San Girolamo” di Cittanova, il quale ha subito sottolineato che la Diocesi sta vivendo un momento di grazia perché il Sinodo è stato suggerito dallo spirito santo per il bene della chiesa e per l’annuncio del Vangelo nel nostro territorio.

Subito dopo la dott.ssa Bonarrigo ,  ha  presentato  all’ attento uditorio il “Serra International”, la sua storia, gli obiettivi statutari e il programma che il Club intende realizzare nel corso dell’anno sociale, all’interno di una serie di iniziative di natura religiosa e culturale.

A seguire  la dott.ssa Bonarrigo  ha  introdotto  i lavori, attraverso alcune riflessioni  sul  Sinodo Mondiale, partendo dalla frase di Papa Francesco :” Se non c’è lo Spirito Santo  non ci sarà Sinodo..

I verbi cari al Sinodo sono  incontrare, ascoltare, e discernere; evitando l’intellettualismo, il formalismo e l’immobilismo.

E’ importante iniziare a leggere la storia con gli occhi del Signore.

Profonde e accurate sono state le  considerazioni  del prof. Mimmo Petullà  sociologo e scrittore.

“Il Sinodo è un evento di grazia un percorso all’interno della chiesa”.

“In questo Sinodo molti sono i rimandi al Vaticano II  che assumono una valenza profetica”.

Petullà si è poi soffermato sulla forza trasformatrice della preghiera, dove il bene trae linfa e forza proiettandoci nella vita.

Il popolo di  Dio deve partecipare attivamente alla vita della chiesa, una pastorale operativa che non si deve mai trasformare in gruppi di potere.

Il nostro vescovo incoraggia un cammino che non sia occasionale ma strutturale.

Dobbiamo farci una domanda: “E’ possibile che questo Sinodo si incarni nelle trame della vita del nostro territorio?”

La risposta è in Gesù Cristo.

La sinodalità deve abbracciare la società civile, la vita quotidiana.

Gesù si rivolge al suo popolo con l’empatia, si rivolge a tutti, a partire dai deboli.

Bisogna uscire tutti insieme verso l’esterno facendosi carico di tutti i problemi presenti nel territorio, a partire dalla ndrangheta e la cattiva politica, non ultimo cercare il prossimo anche nelle aree più lontane.

Don Domenico Loiacono, Segretario Generale del Sinodo Diocesano e Vicario Parrocchiale San Nicola – Concattedrale Palmi, ha trattato il tema  il tema “Specificità e Configurazioni del nostro Sinodo” spiegando con dovizia di particolari l’organizzazione del Sinodo, prendendo spunto dal codice di diritto canonico.

Infine Don Letterio Festa ha omaggiato  i relatori con due  sue pregevoli pubblicazioni.

Caterina Sorbara

AGENSIR news

Egitto: Zaki scarcerato, ma assoluzione lontana. Acconcia (Un. Padova): molte ombre sul regime di Al Sisi

In Egitto il regime militare di Al Sisi “purtroppo ha avuto successo e questo modello viene esportato anche altrove: pensiamo al recente colpo di Stato militare in Sudan”: Giuseppe Acconcia,… [...]

Chiesa e Covid. C”è un nuovo “humanum” da accogliere ed evangelizzare

Pandemia, fragilità e Chiesa. Questo il nodo affrontato lo scorso 19 novembre da cinque istituzioni accademiche teologiche italiane, avviando un percorso di ricerca che si concluderà ad aprile 2022. Una… [...]