News

16/Mar/22

Identità e vocazione del catechista – ritiro interparrocchiale parrocchia Santa Famiglia e Maria SS. Addolorata

Domenica 13 marzo 2022 , seconda di Quaresima, presso la Parrocchia Santa Famiglia in Palmi, si è tenuto un ritiro spirituale e di formazione interparrocchiale che in spirito sinodale ha visto la partecipazione del gruppo catechisti della Parrocchia Maria Santissima Addolorata in Rosarno e della Parrocchia Santa Famiglia in Palmi.  

Il Ritiro, guidato da don Giuseppe Sofrà parroco della parrocchia ospitante e direttore dell’Ufficio Catechistico Diocesano, a cui ha partecipato anche il parroco don Rosario Attisano della Parrocchia Maria Santissima Addolorata, ha affrontato la tematica dell’identità e della vocazione del catechista.

Il ritiro/approfondimento ha prima visto la relazione di don Sofrà che ha toccato punti fondamentali quali:  le caratteristiche del catechista come annunciatore; il catechista come discepolo, annunciatore e missionario; la competenza relazionale, capacità di annuncio e narrazione la capacità di educare sapendo leggere i segni di Dio, la capacità d’introdurre nella vita della comunità.

Dopo la riflessione, i presenti si sono divisi in piccoli gruppi di lavoro in cui si è sperimentata la sinodalità e la bellezza del confronto interparrocchiale in cui è emersa l’identità del catechista. Sono stati approfonditi “il senso dell’annuncio oggi” individuando i passi per viverlo rispettando la propria identità. Dai lavori di gruppo è emerso che la formazione permanente è fondamentale per poter essere credibili annunciatori del Risorto anche conoscendo i linguaggi contemporanei che aiutano a trasmettere il Cristo ai ragazzi/e nativi digitali. 

Il catechista non è un insegnante, non è un semplice educatore ma accompagna nella Fede e nella crescita i ragazzi/e che gli vengono affidati.  Il momento è stato occasione propizia per i presenti per conoscersi meglio, sollecitati anche dalla presenza gioiosa e disponibile dei due parroci don Attisano e don Sofrà che hanno testimoniato la bellezza della stima reciproca tra confratelli nel sacerdozio dando coerente testimonianza che l’essere annunciatori del Risorto è innanzitutto la gioia e la stima reciproca.

L’esperienza ha aiutato a rafforzare la consapevolezza che è importante “formarsi per formare” e la convinzione che è bello gareggiare nello stimarsi a vicenda e aiutarsi a livello comunitario ed interparrocchiale a crescere nella Fede ed il catechista è chiamato a far innamorare di Cristo. 

 

Mara Rosarno
(responsabile catechisti Parrocchia Maria SS Addolorata)

Apertura Causa Beatificazione di P. Ludovico Polat

AGENSIR news

Il “miracolo” della statua della Madonna rimasta in piedi sotto l’esplosione di un ordigno in Ucraina

Li chiamano “i miracoli” della guerra. L’ultimo è successo a Kherson, città meridionale dell’Ucraina, a pochissimi chilometri dal fronte. A partire dal Mercoledì delle Ceneri, la città è stata di [...]

Inaugurata la Casa Arca degli Esposti, dove a vincere sono lo Stato e la società

Al pensiero di avere in mano le chiavi di un appartamento qualcuno si è commosso, grato per la seconda possibilità ricevuta. Qualcun altro invece non vede l’ora di cominciare a [...]