News

21/Mar/22

L’AMCI della Diocesi di Oppido Mamertina-Palmi ha un nuovo presidente

Dopo due mandati consecutivi il Presidente Dr. Roberto Zappone, psichiatra presso la struttura sanitaria di Taurianova, nell’Assemblea tenutasi a Gioia Tauro presso la Casa del Laicato il giorno 9 marzo, alla presenza di Sua Eccellenza il Vescovo monsignor Francesco Milito, ha passato il testimone della Presidenza al collega Dottor Salvatore Raso, Medico Estetico e coordinatore Regionale della Società Italiana di Medicina Estetica (SIME).

Nella stessa seduta Don Pasquale Ciano è stato designato a sostituire, nella guida spirituale dei medici cattolici, don Giuseppe Acquaro verso il quale sono state rivolte, da parte dei presenti, toccanti espressioni di profonda gratitudine per il lavoro da lui svolto nella preparazione e formazione spirituale di persone che, per il ruolo professionale svolto giornalmente nella società verso e per i più bisognosi e sofferenti, devono possedere un profondo senso di umanità e fede cristiana.

Il Presidente uscente ha tracciato il consuntivo suo mandato, soffermandosi sui numerosi obiettivi proposti e positivamente raggiunti, constatando con tutti i soci la continua crescita dell’Associazione sia in termini di iscritti, superiore a quella delle altre sezioni della regione Calabria, sia in attività rivolte ad aiutare e sostenere i bisognosi, sia dal punto di vista socio-sanitario che umanitario. Ha inoltre sottolineato come il tema della umanizzazione delle cure mediche e palliative è tema quanto mai importante, come più volte sottolineato anche dal Santo Padre Francesco, nell’operato giornaliero del medico cattolico che deve sempre e comunque animare e promuovere uno spirito autentico di servizio civile, umano e cristiano verso i propri malati, verso i sofferenti ed i loro familiari.

Subito dopo riconfermato all’unanimità dei presenti il vecchio Direttivo composto da:

Segretario tesoriere: Dottor Gennaro Franco

Consiglieri: dottoressa Patrizia Genovese, dottoressa Agata Caruso, Dottoressa Stefania Conti

Rientrano nel direttivo il dott. Roberto Zappone come consigliere nazionale AMCI ed il dott. Ugo Squillace per la carica ricoperta a livello nazionale di addetto stampa.

Si è proceduto alla elezione del Presidente per il prossimo quadriennio.

Alla unanimità è stato eletto il Dottor Salvatore Raso che proviene da un lungo trascorso in Azione Cattolica e vicepresidente AMCI negli ultimi otto anni. La sua attività professionale nell’ambito della Medicina Estetica è fondata prevalentemente sull’aspetto sociale di questa branca della medicina, come percorso che porti il paziente a trovare o ritrovare il proprio benessere psico-fisico. Nel suo discorso di insediamento nel ringraziare il Presidente uscente per il grande lavoro svolto, ha ribadito che suo obiettivo sarà quello di seguire il solco da lui tracciato, migliorandone l’informazione e promuovendo opere di beneficienza ed aiuto per coloro che soffrono, nonché periodici incontri di formazione spirituale e convegni di carattere scientifico. L’impegno sarà volto anche a coinvolgere in associazione i giovani medici, con un’attenzione particolare alle necessità e ai bisogni degli adolescenti.

Ha ricordato inoltre che sotto il continuo stimolo di Sua Eccellenza il Vescovo, l’Associazione ha messo in atto un piano ricco di iniziative di formazione e culturali su tematiche importanti quali l’eutanasia, la meraviglia della vita umana, le emarginazioni sociali, la guerra in atto in Ucraina.

Ugo Squillace
Addetto Stampa AMCI Diocesi Oppido-Palmi

Apertura Causa Beatificazione di P. Ludovico Polat

AGENSIR news

Movimento dei Focolari. Un popolo “in dialogo” per sanare le ferite delle divisioni e favorire la fraternità

Oltre 90 pagine per raccontare la vita dei focolari nel mondo e l’impegno a favorire il dialogo tra le Chiese, tra le religioni e le culture, nelle sfide globali e [...]

Israele e Hamas: la Via Crucis dei cristiani di Gaza. Parrocchia di nuovo in mezzo alle bombe

Evacuare immediatamente i quartieri Zaitun e Turkman di Gaza City per non ritrovarsi in mezzo ai combattimenti. È quanto ha intimato l’Esercito israeliano ai civili che abitano ancora in queste [...]