News

19/Mag/22

Gli studenti del Liceo San Paolo hanno incontrato il poeta Michele Caccamo

Mercoledì 18 maggio, gli studenti del Liceo San Paolo hanno incontrato Michele Caccamo, scrittore di successo, editore, che ha presentato alla giovane platea il suo ultimo lavoro: “ Le sacche della rana Poemetto su Pier Paolo Pasolini”.

L’incontro si è svolto nell’Aula Magna della scuola che, per l’occasione, ha ospitato anche gli studenti dell’Istituto Careri, invitati per condividere un momento di arricchimento culturale e di confronto.

L’autore ha presentato la la figura di Pasolini con la garbata sensibilità che lo contraddistingue, mettendo in evidenza l’arte di un personaggio libero, controverso, in polemica con la società e con le Istituzioni, con una vita tumultuosa e travagliata conclusa in circostanze tuttora non chiare, ma in artista poliedrico che ha arricchito significativamente il mondo della cultura italiana.

          I ragazzi hanno partecipato con un atteggiamento composto, mostrando vivo  interesse per l’argomento e intervenendo con domande e riflessioni  acute e pertinenti, incoraggiati anche dal clima di empatia creato nell’Aula.

          Ha accompagnato Michele Caccamo lo scrittore poeta Aldo Novi che, con il suo contributo controcorrente, ha impreziosito la giornata offrendo ai giovani spunti di riflessione e ricerca.

          La preside Aurora Placanica, molto soddisfatta dell’evento, ha invitato gli scrittori a tornare l’anno prossimo per dare seguito ad un momento che si è rivelato di formazione, di confronto e crescita culturale per gli studenti.


AGENSIR news

Pietro e Paolo: l’uno apre, l’altro fa entrare

Chi conosce quel luogo, così carico della forza dell’annuncio evangelico della chiesa dei primi secoli che è Aquileia con tutto suo patrimonio archeologico, non può non aver sostato dinanzi ad… [...]

Il ritorno dello Jedi… e di molto altro

La rubrica di Decoder torna dopo avere fatto il carico di novità dal mondo dei prodotti di consumi mediatici… Iniziamo da una saga che i figli degli anni ’80 come… [...]