News

27/Nov/23

La Parrocchia S. Pantaleone accoglie il Serra Club Oppido Mamertina-Palmi

Nella “Giornata della Fondazione Italiana di Religione e Culto Beato Junipero Serra”, il Serra Club Oppido Mamertina-Palmi guidato dalla dott.ssa Lucia Ioculano è stato accolto dalla comunità della Parrocchia S. Pantaleone M. di Serrata guidata  da Don Giancarlo Musicó,  insieme ai seminaristi del Seminario Vescovile di Oppido Mamertina guidati da Don Rosario Attisano, nonché  Vice Cappellano del Club, e dal Diacono Daniele Dato.

L’evento si è aperto con la Celebrazione Eucaristica presieduta da don Rosario Attisano, che nel corso della sua omelia, dopo aver ringraziato Do Giancarlo Musicò  e la comunità per l’accoglienza; ha ricordato il suo legame speciale con la parrocchia di Serrata  e con  don Michelangelo, Don  Luigi, Don Carmelo Surace e le suore di San Gaetano Catanoso.

Subito dopo Don Rosario, si è soffermato sull’importanza del luogo santo che ci permette di incontrare Dio e sul Vangelo del giorno, quando Gesù si arrabbia con  i venditori del tempio.

Anche noi con il battesimo siamo divenuti tempio di Dio, dentro di noi abita la santissima Trinità.

Oggi manca purtroppo il rispetto per la vita e lo dimostrano gli ultimi episodi di cronaca.

Infine Don Rosario  ha invitato i serrani a pregare, affinchè ci siano più vocazioni.

Dopo la Celebrazione Eucaristica  il seminarista Francesco Petullà, ha narrato la genesi della sua vocazione.

“Sono cresciuto frequentando la parrocchia dei Santi Apostoli Pietro e Paolo di Taurianova e sin da piccolo ho sentito il desiderio di diventare sacerdote. Crescendo questo desiderio si è rafforzato, così ho deciso di frequentare i pomeriggi vocazionali ad Oppido Mamertina e dopo un periodo di discernimento sono entrato in seminario. Sono grato al Signore per questo mio cammino e perché Lui ogni giorno accompagna i miei passi”.

A seguire la presidente Lucia Ioculano ha presentato alla comunità il  Serra Club.

Il movimento internazionale laicale al servizio della Chiesa SERRA è sorto in  America, e prende  il nome di un frate minore francescano, Juniper Serra, che nel ‘700 fu evangelizzatore di vaste aree del “nuovo mondo”. Tra gli scopi dei Club, c’è quello di aiutare il Seminario nell’occuparsi degli aspetti che riguardano il rapporto della Chiesa con i giovani, riunendoli insieme alle famiglie, per creare momenti di riflessione alla ricerca della possibilità che in ognuno di essi si riveli, se esiste, la vocazione al sacerdozio. Non solo. Uno dei momenti fondamentali dell’attività dei “serrani” è la preghiera, che precede ogni incontro di lavoro e l’azione di  testimonianza in cui  volontari si prodigano per diffondere l’idea che la Chiesa, il Seminario e le vocazioni, si possano aiutare anche con una forma di missionariato laico che impegna uomini e donne anche attraverso la divulgazione della cultura, della solidarietà e la promozione di quei valori etici che sono alla base della civile convivenza tra gli uomini.

Il Serra Club è presente in 5 continenti, 35 stati, ci sono 700 Club e più di 20 mila soci.

In Calabria oltre  ad Oppido Mamertina, è presente  a Rossano e a Reggio Calabria, Distretto Calabria-Sicilia.

Il Club è seguito da un vescovo nominato dal papa

Vengono inoltre erogate borse di studio ai seminaristi e non manca la vicinanza e l’aiuto ai sacerdoti.

Il motto di San Junipero è “Siempre  Adelante! Avanti Tutta!”

La Presidente Ioculano ha infine sottolineato:

” E’ bellissimo vivere  il Serra, noi cresciamo insieme ai seminaristi nella luce di San Junipero,  oggi nella ricorrenza della Sua  nascita  in  tutta Italia si celebrano la giornata della fondazione”.

Il tesoriere Fabio Pelle si è soffermato sulla figura di San Junipero, spagnolo di nascita, uomo di grande cultura e forza morale, nella seconda metà del 700 svolse un’ intensissima opera missionaria in Messico ed in California.  La maggior parte delle città californiane, tra le quali San Francisco, Los Angeles e San Diego, sorsero attorno alle numerose Missioni da lui fondate e da queste presero il nome.

Morì nel 1784; beatificato da Papa Giovanni Paolo II nel settembre 1988, è stato canonizzato nel settembre 2015, in occasione del viaggio di Papa Francesco negli USA.

Dopo l’intervento di Don Giancarlo Musicò, la presidente Ioculano ha ringraziato tutti per la calorosa accoglienza e la disponibilità e ha invitato la comunità a pregare per le vocazioni, rivolgendosi ad alcune insegnanti presenti le ha invitate a partecipare al concorso scolastico bandito dal Serra Club

L’ evento si è concluso con la preghiera del Serrano e un momento conviviale.

Caterina Sorbara

Apertura Causa Beatificazione di P. Ludovico Polat

AGENSIR news

Colombia, gli indigeni che vivono nel Parco Tayrona e la sacralità della terra

All’ingresso del Parque nacional Tayrona c’è una fila lunghissima di turisti di tutte le nazionalità. Ricorda quella per entrare ai Musei Vaticani. La differenza è che la bellezza mozzafiato che [...]

Malattie rare. La lotta di Alessandro, Veronica e Roberta contro burocrazia, ignoranza e pregiudizi

Basta essere pazienti – Persone rare, diritti universali è il claim della campagna di sensibilizzazione ideata e lanciata da Omar (Osservatorio malattie rare) a Roma, in occasione della Giornata mondiale [...]