sabato 15 Giu 2024

Dalle Parrocchie

Parrocchia S. Nicola in Melicucco – prima edizione della “Festa dei Popoli e della Nazionalità – Fratelli Uniti”

Domenica 19 Maggio giornata della Pentecoste la parrocchia San Nicola di Melicucco, insieme al Gruppo Giovanile Parrocchiale, ha dato vita alla prima edizione della “Festa dei Popoli e della Nazionalità – Fratelli Uniti”, un evento ispirato alla profonda visione di fratellanza universale delineata dall’enciclica “Fratelli Tutti” di Papa Francesco.

Nella suggestiva cornice di piazza Primo Maggio, cittadini italiani e stranieri provenienti da ogni parte del mondo, come Somalia, Bangladesh, Romania, Messico ed Etiopia, si sono uniti in un’atmosfera di condivisione e integrazione, tessendo un ricco mosaico di storie, tradizioni e culture.

L’evento ha richiamato alla mente la potente parabola del Buon Samaritano, invitando tutti a risvegliare la propria umanità e a superare le barriere che troppo spesso dividono le persone. Le testimonianze commoventi dei migranti hanno illuminato il cammino verso una fraternità senza confini, dove l’accoglienza e il rispetto reciproco sono valori imprescindibili.

Il sostegno prezioso del Comune di Melicucco e delle associazioni locali, tra cui “Ci Siamo”, “Comitato feste”, “Piccoli Grandi Cuori Nascono”, “La Fenice”, “Avis”, “Caritas Don Tonino Bello”, “Figli in Cielo”, “ il Cenacolo Cuore Immacolato di Maria rifugio delle anime e le Marie”insieme alle signore che hanno preparato le zeppole e alla scuola di danza “Mooving Energy”, ha reso possibile la realizzazione di questa meravigliosa manifestazione di unità nella diversità.

I talentuosi ragazzi dell’Istituto comprensivo di Melicucco hanno contribuito con il loro ingegno e creatività, realizzando singoli lavori, disegni e cartelloni che hanno arricchito l’evento con la loro bellezza e originalità. Il tableau “Albero della Vita”, una iniziativa a parte voluta dal Gruppo Giovanile Parrocchiale con il prezioso aiuto dell’artista locale Antonella Minasi, ha rappresentato il simbolico legame tra tutti gli esseri umani. Ogni partecipante ha lasciato un’impronta unica, colorando l’albero con le proprie dita e contribuendo così alla creazione di un’opera collettiva che ha incarnato l’essenza della fratellanza.

Il gesto significativo del sindaco Francesco Nicolaci, sul volere del
Parroco che ha donato una copia della Costituzione a una giovane straniera, ha sottolineato l’importanza dell’integrazione e della condivisione dei valori fondamentali.

La giornata è stata un trionfo di gioia, condivisione e solidarietà, arricchita da momenti di riflessione, canti, danze e gustosi piatti della tradizione culinaria di ogni paese rappresentato. Il successo dell’evento è stato possibile grazie all’impegno instancabile del Gruppo Giovanile Parrocchiale guidati da don Igor e l’educatrice Condoluci Sandra insieme agli altri educatici più adulti, al generoso sostegno di tutti coloro che hanno contribuito, comprese alcuni gruppi parrocchiali,alcune associazioni, gli ospiti: il Cenacolo di Maropati di Bartolomeo Mercuri , hanno partecipato con grande gioia all’evento il Progetto di accoglienza SAI di San Giorgio Morgeto con la coordinatrice Barbara Panetta,presente l’assistente sociale Ieranò Mariacatena ed infine tutti gli individui che hanno reso possibile questa indimenticabile celebrazione della diversità umana.

La “Festa dei Popoli e della Nazionalità – Fratelli Uniti” ha lasciato un’impronta indelebile nei cuori di tutti i partecipanti, ispirando speranza e incoraggiando un futuro di pace, solidarietà e fratellanza.

Apertura Causa Beatificazione di P. Ludovico Polat

Appuntamenti del Vescovo

Tutti gli appuntamenti

AGENSIR news

Papa Francesco al G7: “nessuna macchina dovrebbe mai scegliere se togliere la vita ad un essere umano”

L’intelligenza artificiale “è uno strumento estremamente potente” il cui uso “influenzerà sempre di più il nostro modo di vivere, le nostre relazioni sociali e nel futuro persino la maniera in [...]

Agricoltura ed Europa: si avvicina la resa dei conti

Passata la tornata elettorale, adesso gli agricoltori – in Italia e non solo – aspettano al varco chi ha vinto la corsa: i futuri Parlamento europeo e Commissione sono attesi [...]