sabato 13 Ago 2022

Sempre nostri figli |I Vescovi degli Stati Uniti sull’omosessualità

“Il messaggio non è un trattato sull’omosessualità. Non è una presentazione sistematica del magistero morale della chiesa. Non avvia nessun discorso teologico. Facendo riferimento al magistero della chiesa e alla nostra esperienza pastorale, intendiamo invece pronunciare parole di fede, speranza e carità per i genitori che hanno bisogno dell’amorevole presenza della chiesa in un momento che potrebbe essere uno dei più difficili della loro vita”. Con Sempre nostri figli: un messaggio pastorale ai genitori di figli omosessuali e suggerimenti agli operatori pastorali (approvato il 10.9.1997 e liberato il 1º ottobre), il Comitato sul matrimonio e la famiglia della Conferenza nazionale dei vescovi cattolici (NCCB) degli Stati Uniti prosegue negli interventi sui problemi più delicati e spesso nascosti che affliggono la vita delle famiglie (cf. Camminare nella luce: una risposta pastorale alla violenza sessuale nei confronti dell’infanzia, 1995, e Quando chiedo aiuto: la violenza domestica nei confronti delle donne, 1992; Regno-doc, 7,1996,216 e Regno-att. 22,1992,667).
Malgrado le premesse con cui si presenta dichiarino ampiamente gli intenti del documento, esso ha raccolto critiche durissime da parte degli ambienti ecclesiali più conservatori che l’hanno giudicato deficitario rispetto al magistero della chiesa universale in materia ed esageratamente accondiscendente verso l’omosessualità e il suo “oggettivo disordine”.
Always Our Children: A Pastoral Message to Parents of Homosexual Children and Suggestions for Pastoral Ministers, Origins 27(1997) 17, 285-291.

14/11/2006