News

In cammino con il Cuore Immacolato di Maria. La Peregrinatio Mariae nelle parrocchie di Sitizano, Cosoleto e Santuario di san Rocco in Acquaro

Ci siamo mai chiesti quale sia il messaggio delle apparizioni di Fatima? L’ annunzio della guerra, la conversione della Russia? No. Il vero messaggio, è la devozione al Cuore Immacolato di Maria. La piccola Giacinta prima di morire disse a Lucia: «Tu rimani quaggiù per far sapere che il Signore vuole la devozione al Cuore Immacolato di Maria». Quando a chiamare è il Cuore della Madre si è sempre presenti.

Nel pomeriggio del primo giugno, la Madonna pellegrina di Fatima, è giunta presso la Parrocchia di S. Domenica V.M. in Sitizano. I fedeli festanti l’hanno accolta davanti alla chiesa. La Santa Vergine ha richiamato a sé tanti figli, ragazzi, famiglie, e bambini alcuni dei quali hanno simboleggiato i tre pastorelli Lucia, Francesco e Giacinta,  e durante la veglia delle 21,30 hanno affidato a lei le proprie pene e gioie. Il giorno successivo alla Peregrinatio è stato scandito con la preghiera delle Lodi Mattutine, e a mezzogiorno dalla Supplica, nel pomeriggio dall’ora di Adorazione Eucaristica e subito dopo la celebrazione della Santa Messa e l’atto di affidamento al suo Cuore Immacolato, l’effigie della Madonna ha fatto il suo ingresso presso la Parrocchia di Cosoleto e ad attenderla vicino la chiesa , sono stati uomini, donne bambini uniti da un’unica grande fede per la nostra amata Madre che continuamente chiede di essere costruttori di pace.

La serata è proseguita con la veglia in onore di Maria Donna dal Cuore nuovo, e i parrocchiani  hanno trasmesso il loro amore filiale per Cristo e per la Vergine Maria. Il giorno seguente dopo la recita delle Lodi mattutine, c’è stata la partecipazione dei bambini e dei ragazzi della scuola con le loro maestre alla celebrazione eucaristica. In serata ha ripreso il suo viaggio , raggiungendo il Santuario di San Rocco in Acquaro. Domenica 4 giugno  molte comunità parrocchiali limitrofe hanno manifestato con mini-pellegrinaggi , il loro amore e la loro devozione per la ‘Signora vestita di bianco’, e in questa domenica di Pentecoste ci si è sentiti riuniti per vivere la meravigliosa esperienza della discesa dello Spirito Santo su Maria Vergine e gli Apostoli nel Cenacolo.

Le strade e i balconi delle case di tutti e tre i paesi sono stati addobbate con bandierine, palloncini colorati, tappeti floreali e striscioni che riportavano le parole di stupore che S. Elisabetta rivolse a Maria: ‘A cosa devo che la Madre del mio Signore venga a me’. ( Lc. 1,43). Intensi e spiritualmente arricchenti sono stati i pochi giorni che hanno richiamato le persone a rendere omaggio alla Mamma del Cielo. La Peregrinatio voluta dal nostro Vescovo non finisce ma comincia sempre. Da oggi l’impegno di tutti per diffondere la lieta notizia che Gesù è il Cristo Salvatore, che si è degnato di nascere dalla Vergine Maria. Con questi sentimenti tutti i fedeli del comune con un lungo corteo di macchine ha accompagnato la Madonna pellegrina nella successiva comunità parrocchiale.

 


Allegati:

AGENSIR news

La presenza di Gesù l’unica cosa necessaria per superare le prove della vita

“Lo presero con sé, così com’era, nella barca”. Con questa affermazione, apparentemente di poco conto, l’evangelista Marco introduce il lettore nella parabola della tempesta sedata. Il fatto che Gesù venga… [...]

Rifugiati. Caritas Italiana: “Il conflitto israelo-palestinese e la tragedia di un popolo esule”

Un dossier con dati e testimonianze per ripercorrere la storia del conflitto israelo-palestinese raccontato dalla prospettiva dei rifugiati palestinesi. Si intitola “Una vita da rifugiati. Il conflitto israelo-palestinese e la… [...]