News

05/Nov/17

La Conferenza Episcopale Calabra invita alla riflessione sulla donazione degli organi: «Atto di altruismo, nobile e compatibile con la morale cristiana»

Il 18 ottobre scorso, la Conferenza Episcopale Calabra, nella persona del Presidente, mons. Vincenzo Bertolone, Arcivescovo Metropolita di Catanzaro-Squillace, con una lettera ha invitato le comunità ecclesiali delle singole parrocchie calabresi ad una seria riflessione sulla donazione degli organi.

«La Chiesa cattolica – afferma il presule – non è assolutamente contraria alla donazione degli organi, anzi non solo la ritiene come compatibile con la morale cristiana, ma la considera un atto di altruismo, nobile e meritorio da incoraggiare come manifestazione di generosa solidaritetà» invitando a celebrare il 5 Novembre – o in altri giorni più opportuni per le parrocchie – iniziative «per promuovere percorsi virtuosi in grado di diffondere la solidarietà umana e di educare alla vita buona del Vangelo».

Nella lettera inviata ai sacerdoti, mons. Bertolone elenca, inoltre, i pronunciamenti del Magistero degli ultimi Pontefici sulla donazione degli organi e offre una riflessione sulle capacità di solidarietà del popolo calabrese: «Nella nostra Calabria e` fortemente radicata la cultura della solidarieta` che e` diffusa e presente sul territorio nell’attivita` del volontariato sociale, assistenziale e sanitario. Vi e` dunque una forte potenzialita` che occorre far emergere, ed e` qui che le parrocchie, le associazioni di volontariato presenti sul territorio possono svolgere un ruolo prezioso».

______
Scarica e leggi la lettera integrale



Allegati:

Appuntamenti del Vescovo

Tutti gli appuntamenti

AGENSIR news

Il “narco-continente”: crocevia di droga, crimini, violenza e morte

Un vero e proprio “narco-continente”. Questo sta diventando, ogni giorno di più, l’America Latina. Niente di nuovo, per alcuni aspetti: i cartelli colombiani e quelli messicani godono di ampia letteratura,… [...]

Scuola. Msac: “Necessario aprire un cantiere permanente. Studenti ‘rappresentanti del cambiamento’”

“La scuola italiana non ha bisogno di una ristrutturazione ordinaria, tantomeno di un piccolo check up che rattoppa le problematiche relative a specifiche emergenze ma, sostanzialmente, lascia tutto com’era prima”.… [...]