News

09/Apr/24

Presentato “Il Catechismus Catholicus (1930) del Cardinale Pietro Gasparri – Un mancato catechismo universale” di don Giuseppe Sofrà

“Conoscere la Chiesa di oggi partendo dalla Chiesa di ieri!”. E’ questo il messaggio che Don Giuseppe Sofrà ha voluto lanciare con il suo libro dal titolo “Il Catechismus Catholicus (1930) del Cardinale Pietro Gasparri – Un mancato catechismo universale”, la cui presentazione si è tenuta venerdì 5, presso l’Auditorium parrocchiale della Santa Famiglia.

A fare gli onori di casa Don Vincenzo Condello, vice Parroco, che dopo aver salutato e ringraziato i presenti, ha sottolineato come l’opera di Don Giuseppe Sofrà sia frutto di un attento studio di documenti conservati negli archivi vaticani, prima oggetto di Tesi del suo Dottorato in Teologia, oggi strumento utile per comprendere le dinamiche teologiche e storiche del Catechismus.

E’ stata la volta del Vice Sindaco, Dott.ssa Schipilliti, che ha rivolto i saluti del Sindaco e di tutta l’amministrazione palmese, sottolineando come Don Giuseppe, sempre accogliente e disponibile, sia riuscito in poco tempo a rendere la Parrocchia della Santa Famiglia “una grande famiglia”.

A moderare i lavori, Don Letterio Festa, Direttore Archivio Storico Diocesano, oltre che “compagno di merenda” di Don Sofrà, il quale ha voluto sottolineare l’imponente lavoro svolto da Don Giuseppe, avendo avuto accesso persino all’archivio del Santo Ufficio e riuscendo a portare alla luce anche l’agendina personale del Card. Gasparri. Da queste preziose fonti documentali si evince il desiderio del Cardinale Gasparri di offrire ai laici uno strumento solido, come il Catechismus Catholicus, uscito non come catechismo universale ma come catechismo privato a nome dello stesso porporato. Ha ricordato il compianto Don Michelangelo Borgese, Parroco e importante riferimento nel percorso vocazionale di Don Sofrà

Mons. Francesco Milito, Vescovo emerito della Diocesi Oppido-Palmi (2014 – 2023), definito “vero Deus ex machina”dell’impresa portata a compimento da Don Giuseppe, ha chiosato dicendo che lo studio apre il cuore, dispone la mente a migliore comprensione e che la ricerca non finisce mai.

A seguire, l’intervento di Padre Amabile Musoni, consultore del dicastero delle Cause dei Santi oltrechè studioso e attento osservatore della Chiesa di oggi, ha voluto evidenziare l’importanza e la ricchezza dottrinale del Catechismo del Card. Gasparri. Tuttavia, sebbene sia stata un’opera monumentale, è un mancato Catechismo universale, poiché non ha tenuto conto del contesto culturale, teologico e catechistico del tempo. Ha voluto, quindi, esaltare il lavoro di Don Sofrà nel riportare in auge questo testo.

Mons. Giuseppe Alberti, Vescovo della Diocesi Oppido-Palmi, ha espresso apprezzamenti per l’afflato pastorale e per l’immenso lavoro svolto da Don Sofrà, che ha donato un contributo storico e teologico per la Chiesa tutta e non solo per quella di appartenenza. Ha sottolineato come l’afflato pastorale debba diventare attenzione al contesto destinatario, a garanzia di un dialogo fecondo. Accanto ad una realtà oggettiva, chiara ed assoluta, e ad una modalità narrativa del Vangelo c’è una sfida catechistica fatta di “testimonianza attraverso le nostre mani, le nostre parole, il nostro cuore ed i nostri piedi”. Una sfida che sprona e impegna tutti, ognuno in base ai propri “talenti” ricevuti, tenendo conto dell’imprescindibile valore della formazione, coscienti delle ragioni della nostra fede.

Riconoscimenti a Don Giuseppe Sofrà anche da parte del Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato di Papa Francesco, del Segretario della Sezione dei Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato.

Ha concluso i lavori lo stesso autore che, ringraziando gli intervenuti e i presenti, ha ribadito l’utilità della costante ricerca e che si conosce meglio la Chiesa di oggi a partire dalla Chiesa di ieri.

L’evento si è svolto alla presenza alla presenza di autorità civili e militari. In particolare, presenti i Sindaci di Serrata e di Galatro, oltre alla Presidente del Tribunale Civile di Palmi, Dott.ssa Concettina Epifanio, di recente nomina quale Presidente della Corte D’Appello di Catanzaro, Parroci della Diocesi, i parrocchiani e gli amici di Don Sofrà.

​​​​​​​​​Avv. Marilù Zaccuri

Apertura Causa Beatificazione di P. Ludovico Polat

Appuntamenti del Vescovo

Tutti gli appuntamenti

AGENSIR news

È troppo sognare che le armi tacciano?

“È troppo sognare che le armi tacciano e smettano di portare distruzione e morte? Il Giubileo ricordi che quanti si fanno “operatori di pace saranno chiamati figli di Dio” (Mt [...]

Vescovi inglesi: “Stop alle armi, costruire la pace”. Richiamo al governo sul nucleare

Si chiama “Called to be peacemakers. A Catholic approach to arms control and disarmament”, “Chiamati ad essere portatori di pace. Un approccio cattolico al controllo delle armi e al disarmo”, [...]