News

24/Apr/24

Le parrocchie della Diocesi al lavoro con il Sovvenire per Informare su 8XMille e promuovere la raccolta di firme

Dal 16 al 19 aprile 2024 le Parrocchie della Diocesi sono state convocate per un incontro di formazione-informazione sui valori del Sovvenire e per l’avvio del progetto unafirmaXunire 2024.

Presenti all’incontro diversi parroci e soprattutto laici di circa 40 parrocchie quali referenti parrocchiali dell’8Xmille. Un ottimo inizio visto che sono 19 le parrocchie richieste dalla CEI per la nostra Diocesi e che già sono stati avviati e prenotati diversi progetti ed alcuni incontri parrocchiali di formazione.

Gli incontri si sono svolti per Vicaria: presso la Parrocchia San Pio X in Amato di Taurianova per la Vicaria di Oppido -Taurianova, presso la parrocchia Santa Famiglia in Palmi per la zona di Palmi, alla Casa del Laicato per la zona di Gioia T.-Rosarno e presso i Padri Concezionisti per la Vicaria di Polistena.

Da maggio a luglio le parrocchie potranno organizzare il gruppo di lavoro parrocchiale per informare circa i fondi 8XMille e ed organizzare la raccolta delle firme, dei pensionati e delle persone che non devono fare la dichiarazione dei redditi.

Per la raccolta delle firme siamo chiamati a coinvolgere tutte le nostre comunità facendole sentire corresponsabili del sostegno alla Chiesa. Lavorando insieme possiamo raggiungere obiettivi che altrimenti sarebbero inarrivabili.

La condivisione in parrocchia delle cose da fare per raccogliere le Certificazioni Uniche crea sinergie che portano ad una maggiore consapevolezza circa il sostentamento della Chiesa. Lavorare insieme consente di massimizzare l’effetto delle risorse, materiali e umane; permette anche di raggiungere obiettivi comuni, di creare legami più stretti, di rafforzare il senso di appartenenza e di responsabilità verso la propria parrocchia e la Chiesa tutta.

Lavoro di squadra, collaborazione e senso di appartenenza sono questi gli elementi che non possono essere sottovalutati se vogliamo che la nostra firma diventi veramente “migliaia di gesti d’amore, ogni giorno” e poter così sostenere migliaia di progetti caritativi, di culto e pastorali in Italia e nel mondo e contribuire al sostentamento dei sacerdoti impegnati ogni giorno nelle nostre parrocchie o in missione nei Paesi più poveri.