News

21/Feb/14

‘Un cuor solo e un’anima sola’

             Organizzata dall’Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia, ha avuto luogo venerdì 14 febbraio scorso, presso il Centro ‘Presenza’ di Barritteri di Seminara, l’Adorazione Eucaristica  ‘Un cuor solo e un’anima sola’, guidata dal diacono Cecè Alampi, Direttore della Caritas Diocesana e a seguire un momento di gioiosa fraternità. Tantissime le famiglie e le coppie che hanno partecipato, sia dell’Ufficio della Pastorale familiare che dei diaconi permanenti, per riscoprire, ancora una volta, la gioia di essere davanti a Gesù Eucaristia come ‘un cuor solo e un’anima sola’. 

Convinti che dalla preghiera costante e fervorosa dipende la vita spirituale di ognuno, ma soprattutto della coppia, davanti al Signore Gesù Eucaristia, i partecipanti riuniti nel suo amore, insieme, hanno elevato la loro preghiera per il nostro Vescovo Mons. Francesco Milito, per i presbiteri della Diocesi, per i diaconi permanenti, per i religiosi e le religiose, per le famiglie e tutti gli operatori pastorali e i fedeli della nostra diocesi, perché insieme si possa testimoniare sempre  il Vangelo  dell’amore del Signore, con rinnovato impegno apostolico.

Ricordando l’anno diocesano della Carità che stiamo vivendo, voluto dal nostro Vescovo, i presenti hanno pregato affinché  incontrando Gesù Eucaristia, fonte di vera comunione e ascoltando la sua voce, ogni persona possa aprire  il cuore al comandamento dell’amore, facendosi presenza fraterna, voce di tutti nella preghiera, segno di carità, di speranza e di pace nella nostra Diocesi

I presenti hanno pregato, altresì,  per la nostra terra della Piana assetata di legalità e giustizia, di amore e speranza, perché nel Vangelo trovi l’annuncio credibile per ritrovare la pace, la comunione e la responsabilità del vivere civile, sociale e solidale. Hanno pregato per i malati, i poveri, i sofferenti, perché l’amore di Gesù, che sgorga dall’Eucaristia ci mostri in essi il suo volto e  renda feconda la loro quotidianità, specialmente con la preghiera.

Il diacono Cecè Alampi, inoltre, con la sua riflessione, evidenziando che l’Eucaristia è il Sacramento della presenza reale e permanente del Signore Gesù, mentre siamo in attesa del suo ritorno glorioso, ha invitato i presenti a sentirsi ‘un  cuor solo e un’anima sola‘ come sposi, come famiglie, come collegio diaconale, come Chiesa diocesana, come comunità e di lasciarsi interpellare da Gesù Eucaristia,  cercando di scoprire quanto sia importante per ognuno essere in comunione d’amore come sposi, come confratelli, come amici, come membra vive e vitali della Chiesa. Diverse le preghiere spontanee che hanno chiesto al Signore Gesù di aiutarci, pur nella diversità di compiti e funzioni, ad essere sempre in relazione gli uni con gli altri, ad essere in comunione per concorrere, con gioia, pur essendo molte membra, a formare un unico corpo vitale, profondamente legato a Cristo. La serata è terminata con una gioiosa agape fraterna.

 

 

Cecè, Carmen ed Ettore  


Allegati:

AGENSIR news

Marcinelle, memoria e monito. Tutele e sicurezza nei luoghi di lavoro

Risuona 262 volte la campana al Bois du Cazier di Marcinelle, nel bacino carbonifero di Charleroi, durante la commemorazione del 66° anniversario della tragedia dell’8 agosto 1956: un incendio sviluppatosi… [...]

Povertà. De Capite (Caritas): “È sempre più facile caderci ed è sempre più difficile uscirne”

“Negli ultimi anni la condizione di molte persone è cambiata. Il fenomeno della povertà, al di là dei dati che tutti conosciamo, è sempre più preoccupante”. A dirlo è Nunzia… [...]