News

Il Vescovo in Cattedrale avvia la Peregrinatio Mariae

Oppido Mamertina dà inizio alla “Peregrinatio Mariae” che porterà la Vergine di Fatima nelle parrocchie della diocesi di Oppido Mamertina – Palmi

Nel 2017 ricorre il centenario dell’apparizione della Vergine Maria ai tre pastorelli, i fratelli Francisco e Giacinta Marto e la loro cugina Lucia Dos Santos, avvenuta il 13 maggio 1917 in una località chiamata Cova di Iria presso la cittadina di Fatima in Portogallo. Il Vescovo della Diocesi di Oppido Mamertina – Palmi, mons. Francesco Milito, ha voluto commemorare questo evento con la disposizione di un Anno Mariano Diocesano. Un percorso che prevede, tra le altre funzioni, la Peregrinatio della statua di Nostra Signora di Fatima, benedetta da Papa Francesco lo scorso 11 maggio 2016, nelle parrocchie della diocesi di Oppido Mamertina.

Il 9 gennaio 2017 presso la Cattedrale Santuario di Oppido Mamertina è iniziata la “Peregrinatio Mariae” con cui la Chiesa Madre della Diocesi ha consegnato alle diverse parrocchie un’esperienza unica per permettere ai fedeli di rivivere la stessa vissuta dai tre pastorelli.

 La cerimonia inaugurale è stata aperta dalla recita del Santo Rosario, presieduto dal Vescovo Francesco e alternando le preghiere ai canti dedicati alla Beata Vergine Maria. Sono stati anche letti dei brani del Vangelo con il corrispettivo commento estratto “Dagli Scritti di Suor Lucia”. La funzione mariana è proseguita con la concelebrazione eucaristica insieme ai parroci di Oppido Mamertina, Don Letterio Festa e Don Giuseppe Papalia.

 Il Vescovo ha decretato l’inizio del tempo ordinario, un periodo che si protenderà fino alla Pasqua e in cui si svilupperà la salvezza di Gesù. Dal Battesimo del Signore inizia lo studio del nostro essere cristiano, un percorso in cui la Vergine Maria è la nostra guida e ci insegna ciò che Suo Figlio ha vissuto. Mons. Milito nella sua omelia ha rivolto una richiesta ai fedeli: «Ogni giorno offrite qualcosa che vi costa per quelli che sono lontani da noi, ma soprattutto per la nostra Diocesi affinché si incammini verso la pratica dell’amore e metta da parte il desiderio di vendetta, di odio, di mancanza di sentimenti e fatelo con cuore di fanciullo». Raccomandando che «la preghiera deve essere fatta con la stessa bontà d’animo di Maria quando ricevette l’annuncio dell’Angelo e dei tre pastorelli nel momento in cui apparve loro la Vergine Maria».    

La statua della Madonna di Fatima rimarrà nella Cattedrale Santuario “Maria SS. Annunziata” fino al 10 gennaio, per poi spostarsi al Seminario – Liceo, nella parrocchia “Maria SS. Addolorata” e nella chiesa di “Santa Caterina e San Leone Magno” di Tresilico. Un percorso che prevede la permanenza dell’immagine sacra di circa due giorni nei diversi luoghi religiosi della cittadina oppidese.

Il 14 gennaio la statua della Madonna di Fatima lascerà la città di Oppido Mamertina per raggiungere le parrocchie e le comunità dei fedeli diocesani che a giorni alterni ospiteranno e celebreranno la Vergine Maria.


Rosario Rosarno


Allegati: