News

07/Ott/20

Il Diacono Don Michele Vomera, al fianco di Don Giuseppe Calimera nelle Comunità Parrocchiali di S. Nicola e S. Sebastiano – ANOIA

 

È stato accolto, nei giorni 1 e 2 ottobre, nella comunità di San Nicola e San Sebastiano in Anoia, Don Michele Vomera, diacono amorevole, al servizio di Dio e del prossimo, che Sua Eccellenza Mons. Francesco Milito, vescovo della diocesi, ha voluto inviare per affiancare il parroco Don Giuseppe Calimera nelle attività pastorali delle parrocchie. Oltre le comunità parrocchiali, ad accoglierlo, erano presenti i familiari e numerosi amici giunti da diversi paesi della diocesi, tra cui Melicucco, paese di origine del diacono.

Grande commozione durante le due sante messe che hanno avuto inizio alle 18:30, presiedute dal parroco Don Giuseppe Calimera, che nella stessa occasione festeggiava il suo primo anniversario di insediamento nella suddette parrocchie. Bellissimo il discorso iniziale di benvenuto da parte del parroco che ha espresso in maniera particolare il suo grazie al Vescovo  per aver accettato la richiesta di mandare un aiuto  in parrocchia, che nella figura del diacono, come il sacerdote,  rappresenta un umile strumento nelle mani di Dio, dispensatore della carità nella comunità cristiana e che avrà il ruolo di affiancare il parroco nelle attività inerenti la parrocchia,  accogliendo  i fedeli con la fatica dei loro vissuti, segno dell’accostarsi di Gesù all’umanità ferita, sino a porgere la sua parola. Il diacono, infatti, è ministro della Parola, di una parola che si fa carne a contatto con le situazioni di povertà, malattia e fragilità che attendono di essere consolate.

Nel ringraziare i presenti e gli amici, Don Vomera, ha ricordato la comunità di San Giorgio Morgeto, dove ha svolto il suo servizio pastorale per ben 11 anni, e la sua famiglia pilastro portante. Ha posto al centro del suo discorso il rapporto con il parroco che sarà di collaborazione e di stima e sulle orme della testimonianza di “Matteo che segue il Maestro”, ha rinnovato nei riguardi della comunità,  il sentimento di ubbidienza con il quale pronunciò il suo  “Si” all’ordinazione diaconale del 13 novembre  2016.

Anche la comunità ha donato al diacono una collana di libri per la meditazione quotidiana e al parroco un quadro con tutti i ricordi di quest’anno passato insieme. Il sindaco  Alessandro De Marzo ha espresso il suo caloroso benvenuto al diacono, ponendo l’attenzione sull’accoglienza e l’amore verso la Chiesa, di cui la comunità si è sempre contraddistinta, allo stesso tempo ringraziando il parroco Don Giuseppe Calimera ha elogiato l’operato svolto in sinergia con l’amministrazione comunale durante l’anno particolarmente difficile, definendolo da promozione a pieni voti.

Al termine della Santa Messa il parroco consegna a Don Vomera e a Suor Anna le chiavi dei locali parrocchiali, simbolo di appartenenza alla nuova grande famiglia. I parrocchiani hanno voluto omaggiare i presenti con un momento di agape fraterna.

A Don Michele Vomera auguriamo che sappia essere annunciatore autentico e testimone credibile dell’amore di Dio ai giovani che incontrerà lungo il suo cammino al servizio della Chiesa.

Preghiamo, perché possa continuare a vivere il ministero diaconale, insieme alla sua nuova comunità, con umiltà e carità non perdendo mai quell’entusiasmo, quella gioia e quel sorriso che lo hanno sempre contraddistinto.

 

Allegati:

AGENSIR news

Suicidio assistito. Gambino: “No a letture ‘estensive’ dei paletti fissati dalla Consulta e a fughe in avanti. Serve una legge coerente con quanto stabilito dalla Corte”

Ora anche Antonio, nome di fantasia, tetraplegico di 44 anni, potrà accedere al suicidio medicalmente assistito attraverso l’auto-somministrazione di un farmaco letale. Ieri la Commissione medica dell’Azienda sanitaria unica regionale… [...]

Putin taglia il gas e l’Ue corre ai ripari risparmiando energia. La situazione in Europa

“Salvare il gas per un inverno sicuro”: Putin e Gazprom minacciano di tagliare ulteriormente le forniture energetiche all’Europa amica dell’Ucraina. E così l’Unione corre ai ripari, decidendo di tagliare i… [...]