News

22/Set/21

La scuola riapre le porte – al San Paolo primo giorno di scuola con il Vescovo

Dopo le vacanze estive, il S. Paolo riapre le porte per accogliere i propri studenti. Ogni cosa è stato attentamente pianificata per arrivare alla data del 20 settembre con tutti i presupposti necessari per creare quell’ Ambiente Educativo di Apprendimento che la Scuola deve coltivare con l’obiettivo che ciascuno studente trovi il clima ideale per realizzare la formazione integrale della propria personalità.

Questo nuovo anno scolastico si apre con una sfida insolita, quella di poterlo trascorrere, dall’inizio alla fine, in presenza dopo i due anni di didattica a distanza che la pandemia ha reso necessaria. Una scuola senza studenti è un scuola senza vita e anche se la DaD è stata attuata puntualmente e con  profitto,  gli esiti finali di tutte le classi e degli Esami di Stato sono stati eccellenti, il colpo si è avvertito e alla fine è stato necessario uno sforzo maggiore per superare una certa svogliatezza e demotivazione che aveva preso il posto del vivace entusiasmo che caratterizza questa scuola.

Il 20 settembre il vocio allegro dei ragazzi ha dato nuova linfa e nuovo vigore a tutti gli operatori del Liceo che insieme agli studenti hanno respirato con gioia la vera aria di “Scuola” I Ragazzi sono stati accolti nell’elegante Aula Magna dell’Istituto dove hanno ricevuto il saluto di bentrovati della Preside  M. Aurora Placanica che si è detta felicemente commossa nel vederli tutti allegri e sorridenti a scuola, contenti di rincontrare  compagni e professori. Un saluto particolare è stato indirizzato ai ragazzi di I Liceo che intraprendono quest’anno il percorso di studi  superiori. La Preside, nel formulare loro i più affettuosi auguri di un brillante percorso scolastico, ha messo in risalto la centralità dell’alunno nel Progetto Educativo del S. Paolo che garantisce un Piano Formativo più personalizzato e in linea con le richieste della società  futura. La Preside ha tenuto poi a raccomandare il rispetto delle norme e del regolamento di prevenzione del contagio covid S2 che, insieme al vaccino costituiscono l’unico strumento per contrastare questa pandemia che tante vittime ha mietuto e continua, seppur con numeri ridotti. e che ci ha cambiato il modo di vivere.

Ma a rendere speciale il I giorno di scuola è stata la presenza autorevole di Sua Eccellenza Monsignor Francesco Milito accolto da studenti e professori con un caloroso applauso di benvenuto. Il Vescovo ha rivolto a tutti il Suo paterno saluto e gli auguri di un fruttuoso anno scolastico, soffermandosi sull’importanza del “sapere” e della cultura fra i giovani, per poter padroneggiare il futuro, perciò ha raccomandato l’impegno e la serietà nello studio, condizioni da sempre richieste a chi frequenta il S. Paolo che si pone l’obiettivo ambizioso di “Scuola di Eccellenza”  qualità confermata dall’Eduscopio della Fondazione Agnelli che lo ha classificato migliore Liceo della Calabria. Nel solco della continuità, è richiesto perciò un certo rigore da parte di tutti, il rispetto delle regole e della disciplina è condizione indispensabile  per poter raccogliere frutti, “ubi rigor, ibi vigor”.

Mons. Milito, da sempre molto vicino e sensibile al mondo della scuola e dei giovani, ha avuto espressioni di speranza e di incoraggiamento per tutti:  Studenti,  Professori,  Preside ,  Gestore.  Il Liceo  S. Paolo  sta particolarmente a cuore al nostro Vescovo che è sempre pronto a riservargli il Suo prezioso supporto.

La mattinata è andata avanti con un sentito momento di preghiera curato da Don Giancarlo Musicò, Gestore della scuola, che ha posto sotto la protezione del Signore il nuovo anno scolastico appena iniziato. Il Vescovo , infine, ha fatto dono ai ragazzi di una bellissima “Preghiera dello Studente”  composta da Lui stesso e letta da tutti insieme, prima di ricevere la Santa Benedizione, a chiusura di un “primo giorno di scuola” con il cuore colmo della speranza di un anno scolastico intenso, ricco di entusiasmanti esperienze di crescita culturale e umana.


Allegati:

Apertura Causa Beatificazione di P. Ludovico Polat

AGENSIR news

Giovani e sessualità. Don Bozzolo (Salesiana): “Riscoprire la grammatica degli affetti”

“La cultura affettiva contemporanea è segnalata dall’ambivalenza. Abbiamo avuto acquisizioni importanti, ma tante sono state cavalcate strumentalmente. Penso al ruolo della donna nella società, nella famiglia e nella Chiesa. La [...]

Carlo Casini. Il 2 marzo a Firenze una giornata di spiritualità alla luce della sua testimonianza

In cammino con Carlo Casini. Giornata di spiritualità alla luce della sua testimonianza è il tema dell’incontro in programma domani, sabato 2 marzo a Firenze per iniziativa della rete “Amici [...]