News

17/Set/22

Un anno di partenze e… ripartenze

Ci lasciamo alle spalle due anni di pandemia che hanno profondamente segnato tutti gli ambiti della nostra vita, personale e sociale: fare attività scout durante il Covid ha significato per noi capi trascurare e riadattare un metodo che ha il suo fondamento sulla vita di gruppo, sul dialogo e confronto diretto all’interno delle diverse Unità. Abbiamo riadattato le nostre attività, pensato in maniera creativa e fantasiosa a cosa fare utilizzando le diverse tecnologie con cui siamo stati in contatto, pur essendo distanti.

Ci lasciamo alle spalle tante sensazioni e tanti stati d’animo che ci hanno permesso di gustare finalmente il tanto atteso ritorno alla normalità: siamo partiti e finalmente ripartiti alla grande; anche se tra difficoltà, dubbi e timori, abbiamo saputo ripercorre la strada e imboccare i sentieri zaino in spalla.

Iniziate le attività abbiamo dato spazio ai festeggiamenti del nostro 25°anno di attività, rinviato causa Covid lo scorso anno, augurandoci di fare strada ed esperienza scout nei mesi avvenire. E così è stato: uscita dei passaggi, attività di Unità, allestimento dei Presepi nelle due chiese parrocchiali, animazione del triduo Pasquale, la festività di San Giorgio con la prima uscita in pernottamento per i tanti esploratori e guide che con grande gioia hanno potuto preparare il loro zaino e infilare gli scarponi per vivere “la bella avventura”. La preparazione ha interessato le pattuglie Capi che insieme, come sempre, hanno saputo fare squadra dedicando tempo e risorse per la buona riuscita di ogni singola attività.

Nel mese di giugno abbiamo poi dato inizio alle attività conclusive con il Volo estivo e le Vacanze di Branco che hanno interessato le nostre coccinelle e i nostri lupetti: 4 giorni di vita scout a Gambarie, in accantonamento: un momento di grande crescita personale per i bambini e di intensa attività da parte dei capi e dello staff di cambusa. La giornata dei genitori ha visto la conclusione di queste attività con la partecipazione delle famiglie, la messa animata dai bambini e un bel pranzo conclusivo in clima di serenità e condivisione.

Esploratori e guide hanno invece concluso le loro attività ad Agosto con un campo in stile scout: tende, latrine, cambusa e costruzioni hanno finalmente fatto ritorno nella pratica quotidiana della vita scoutistica del nostro gruppo. I ragazzi hanno vissuto 10 giorni in squadriglia e sperimentato come vivere con l’essenziale, lontani da tecnologie e a contatto diretto con la natura.

Contatto con la natura che ha portato i rover a sperimentare la “Strada” con il campo mobile fatto nei primi giorni di agosto: camminare con lo zaino in spalla di tappa in tappa, sentire solo il rumore dei propri passi lungo la via e sperimentare la vita di comunità hanno fatto crescere questi ragazzi.

Le scolte invece hanno fatto servizio presso una comunità Exodus di Milano, conoscendo realtà e situazioni che toccano il cuore e l’anima: sentirsi amati e amare, costruire un futuro migliore per noi stessi e per chi ci circonda, andare oltre le apparenze, essere scout è anche questo.

Ci auguriamo di percorrere nuove strade e nuovi sentieri nelle prossime attività che il futuro ci riserverà e auguriamo ai nostri ragazzi di continuare questo percorso perché “una volta scout, sempre scout”.

Gli scouts di Delianuova

AGENSIR news

Elezioni politiche. Affermazione di FdI, ma su tutto c’è l’ombra dell’astensionismo più alto di sempre

Balzo dell’astensionismo, che aumenta di 9 punti rispetto al 2018; affermazione eclatante di Fratelli d’Italia che consente alla coalizione di centro-destra di conquistare la maggioranza dei seggi e quindi di… [...]

Politica: “Il nuovo Governo metta al centro la natalità”

Ci sono temi che vanno al di là delle ideologie. Ci sono argomenti che nonostante l’avvicendarsi dei partiti al Governo hanno una loro forza intrinseca perché riguardano non solo una… [...]